"Pieno sostegno" di Mattarella ai marò. Festeggeranno il prossimo 4 novembre?

04 novembre 2015, Andrea De Angelis
'Pieno sostegno' di Mattarella ai marò. Festeggeranno il prossimo 4 novembre?
"Confermo il pieno sostegno ai marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone".
Lo ha affermato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di consegna delle insegne dell’Ordine Militare d’Italia in corso al Quirinale, nel giorno dell’Unità nazionale e delle Forze armate. 

Mattarella ha quindi sottolineato che "lo strumento militare nazionale è oggi oggetto di una profonda trasformazione i cui lineamenti sono stati tracciati nel Libro Bianco per la sicurezza e la difesa, per consentire alle Forze Armate di servire meglio il Paese, operando con efficacia ed efficienza in un contesto di rapidi e continui mutamenti che coinvolgono l'intero scenario internazionale". L'obiettivo, ha continuato il capo dello Stato "è quello di conferire il massimo impulso allo sviluppo delle capacità operative e delle componenti umane e tecniche".

Un messaggio anche dal ministro della Difesa, Roberta Pinotti, secondo la quale "la ricorrenza del 4 novembre, oltre alla vittoriosa conclusione della Prima guerra mondiale, porta alla mente anche il ricordo doloroso delle devastazioni e dei lutti subiti dal popolo italiano in quel drammatico momento". "Quella vittoria, infatti, costò sacrifici e umiliazioni, ma sul Piave e nelle trincee del Monte Grappa, nei nostri cieli e nei nostri mari, soldati, marinai e aviatori seppero scrivere pagine di altissimo valore, rivendicando quel sentimento di identità nazionale che avrebbe portato gli italiani a sentirsi, per la prima volta, parte di un unico popolo", ha detto il ministro. Pinotti ha ricordato che a cento anni di distanza da questi fatti, "il mondo è profondamente cambiato, ma resta ferma la certezza che le Forze armate rappresentino per l'Italia, ora come allora, un patrimonio dal valore inestimabile, perché custodi dei principi di riferimento della nostra società".

'Pieno sostegno' di Mattarella ai marò. Festeggeranno il prossimo 4 novembre?
Ma quante possibilità ci sono che il prossimo 4 novembre i marò siano in Italia?
Secondo la stessa Pinotti, intervenuta lo scorso 14 ottobre su Radio24, non è facile dire i tempi, ma sono stati fatti passi in avanti.  "Porteremo via i due marò", ha detto tre settimane fa ai microfoni di Radio24 il ministro tornando sulla vicenda di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due fucilieri di Marina accusati di aver ucciso due pescatori indiani scambiati per pirati.
'Uno è in Italia, e non è più tornato - sottolineava il ministro - per il secondo io confermo quell'impegno. Certo, i tempi sono molto più lunghi di quelli che avremmo voluto, ma oggi abbiamo fatto un passo avanti importante, il Tribunale del mare ha detto che l'India non ha diritto di giudicare in nostri marò e ora aspettiamo il giudizio del Tribunale di Amburgo e pensiamo che le nostre ragioni siano molto forti".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]