Premio Goncourt, perché Enard ha conquistato Parigi scrivendo di Siria

04 novembre 2015, intelligo
Premio Goncourt, perché Enard ha conquistato Parigi scrivendo di Siria
Dopo Zona, arriva Boussole. Romanzo da premio. Mathias Énard è il vincitore dell’edizione 2015 del prestigioso premio francese, conquistando Parigi. E’ il decimo volume della sua ampia produzione letteraria che segue il successo di Zona, pubblicato nel 2008. La trama racconta la storia di un viaggio in treno tra Milano e Roma con protagonista un uomo reduce dalla guerra nella ex Jugoslavia dove ha operato nei panni di un agente segreto. 

L’ultima fatica letteraria - Boussole - parla della notte passata in bianco di un musicologo viennese che ripercorre a ritroso la sua esistenza e le esperienze vissute all’università. Ma il protagonista del romanzo è anche un uomo che studia le contaminazioni tra musica orientale e occidentale percorrendo le vie delle principali capitali dell’Oriente. Enard ha dedicato il suo libro al dramma dei siriani e la narrazione risente della tragicità del momento storico. 

Enard vive in Spagna, a Barcellona: insegna arabo ma insieme ad alcuni amici ha aperto una galleria di arte contemporanea a Parigi. In Italia sono già stati pubblicati da Rizzoli Zona (2011), Via dei ladri (2013), Parlami di battaglie, di re e di elefanti (2013) – tradotti da Yasmina Mélaouah.

GLI ALTRI FINALISTI. Oltre all’opera di Enard, sono arrivati in finale Hédi Kaddour con “Les Prépondérants” e Tobie Nathan con “Ce pays qui te ressemble”. Terza finalista, Nathalie Azoulai con “Bérénice”. 

COSA E’ IL GONCOURT. Prende il nome dallo scrittore che lo istituì fin dai primi anni del Novecento: Edmond de Goncourt. La particolarità del prestigioso premio è che secondo il regolamento, non può essere assegnato due volte alla stessa persona. 

LuBi 



autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]