Maledetta sfortuna, una bufala: tumori nascono da errori del Dna

04 ottobre 2016 ore 15:58, Americo Mascarucci
Il tumore non è soltanto questione di sfortuna come certificato un anno fa da un apposito studio.
Tale studio sosteneva, basandosi su modelli matematico-statistici, che la diversa incidenza di tumore a livello dei vari organi fosse da ricondurre principalmente alla differenza nel numero delle mutazioni ‘sfortunate’ del DNA comparse a caso all’interno delle cellule staminali di questi organi.
Un destino avverso dunque che oggi però sembrerebbe smentito da un nuovo studio.
Gli autori di questa nuova ricerca i cui esiti sono stati pubblicati su Nature  hanno condotto un’opera munuziosa di misurazione degli errori del DNA a livello delle cellule staminali adulte presenti all’interno di diversi organi e tessuti, in varie età della vita.
I ricercatori dell’UMC Utrecht (Olanda), autori di quest’ultimo studio finanziato dalla charityinglese Worldwide CancerResearch, hanno dimostrato invece che le cellule staminali umane acquisiscono errori nel DNA ad un tasso praticamente costante, in tutti gli organi, anche in quelli predestinati a produrre meno tumori. 
Non ci sarebbero cioè differenze in termini di numero di mutazioni random tra un organo sede di tumore e uno sano. 

Maledetta sfortuna, una bufala: tumori nascono da errori del Dna
Un’evidenza questa che potrebbe dunque smontare radicalmente la tesi che il cancro sia dovuto principalmente al diverso numero di mutazioni, di ‘errori accidentali’detto ‘sfortuna’. 
"Questo, spiega Ruben Van Boxtle, uno degli autori - contrasta con la teoria della sfortuna. Siamo stati sorpresi di trovare praticamente lo stesso tasso di mutazioni in organi con incidenza di tumori molto diversa tra loro. Questo suggerisce che la semplice accumulazione di errori 'sfortunati' nel Dna non può spiegare la differenza di incidenza, almeno per alcuni tumori".
Dal punto di vista qualitativo, aggiunge l'autore, qualche differenza nel tipo di mutazioni è stata però trovata. 
"Questo può voler dire che la 'sfortuna' gioca qualche ruolo, ma non sappiamo ancora quale".
 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]