Airc: "Metodo Hamer non è scienza". Ma che cosa dice veramente?

04 settembre 2016 ore 14:50, Adriano Scianca
Il “metodo Hamer” “è basato su premesse non scientifiche ed ha già provocato la morte di diversi pazienti”: lo afferma l'Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) in una scheda pubblicata sul suo sito. La “Nuova Medicina Germanica” del medico tedesco (poi radiato) Ryke Geerd Hamer è tornata recentemente d'attualità dopo i casi di cronaca delle due donne morte per aver rifiutato la chemioterapia in base alle tesi propugnate dal ciarlatano tedesco. Tale metodo, si legge nella scheda dell'Airc, “si basa su un insieme di teorie che non sono mai state sottoposte a una sperimentazione seria della validità per la cura dei tumori né di altre malattie. Il presupposto, indimostrato, è che il tumore sia il frutto di un conflitto psichico”. 

Airc: 'Metodo Hamer non è scienza'. Ma che cosa dice veramente?
L'Airc osserva che “questo metodo rinnega l'uso dei farmaci, provocando gravi ritardi nelle terapie e trasformando così tumori curabili in forme incurabili”. Ma cosa propugna il “metodo Hamer”? Il controverso ex medico tedesco afferma che la genesi di ogni patologia sia dovuta a presunti traumi o conflitti non risolti e propone trattamenti originali, come il contagio volontario con agenti microbici. Hamer afferma che le metastasi sarebbero un'invenzione della medicina; che i batteri ed i virus non sarebbero un danno per il nostro corpo, ma anzi aiuterebbero a guarire (ad esempio in presenza di un tumore allo stomaco, bisogna ingerire al più presto dei batteri della tubercolosi); che a causare il cancro o una malattia sarebbe un presunto trauma non risolto o un conflitto (ad esempio il cancro al seno destro sarebbe causato da un presunto conflitto madre-figlio, la carie dentaria è causata dal "conflitto di non poter mordere", mentre il diabete nelle donne mancine sarebbe in verità un "conflitto sessuale" provocato dal disgusto dell'organo sessuale maschile, dai ragni o dalle rane); che i traumi psichici sarebbero visualizzabili negli esami TAC. Tutte affermazioni non provate né sottoposte a sperimentazione. 

Hamer afferma anche di aver scoperto cinque leggi fondamentali della natura, le "Cinque leggi biologiche":

Prima legge ("La regola ferrea"): le gravi malattie hanno origine da un evento di shock o trauma psicologico ("sindrome di Dirk Hamer") che viene vissuta dall'individuo come acuto e drammatico.
Seconda legge ("Le due fasi della malattia"): un paziente che non ha risolto il suo conflitto è nella prima fase (conflitto attivo), che Hamer chiama "malattia fredda" (sensazione di freddo, mancanza di sonno, alcuni tumori, ecc.). Se riesce a risolvere il conflitto entra in una seconda fase, post-risoluzione (fase di guarigione), chiamata "malattia calda" (reumatiche, infettive, allergiche, tumori o qualsiasi malattia fisica o psichica, da lui chiamata "malattia oncoequivalente", ecc.) Questa seconda fase comporterebbe più rischi, e una completa guarigione secondo Hamer avviene solo dopo il suo completamento. 
Terza legge ("Il sistema ontogenetico delle malattie"): Hamer ritiene che la progressione della malattia sia controllata principalmente dal cervello e dal cervelletto.
Quarta legge ("Il sistema ontogenetico dei microbi"): i microbi non causano malattie, ma sono utilizzati dal corpo, coordinato dal cervello, per ottimizzare la fase di guarigione, a condizione che i microbi necessari siano disponibili quando necessario. Funghi e micobatteri lavorerebbero sui tessuti originati nell'endoderma, nonché su alcuni dei tessuti originari del mesoderma. I batteri funzionerebbero su tutti tessuti derivati dal mesoderma e i virus su quelli derivati dall'ectoderma. 
Quinta legge ("La quintessenza"): la fase attiva del conflitto e la fase di guarigione delle malattie, come sopra descritto, costituiscono "speciali programmi significativi della natura", sviluppati durante l'evoluzione della specie, per consentire agli organismi di ignorare il funzionamento comune, al fine di trattare particolari situazioni di emergenza.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]