Suicidi-Civitanova Marche. Librandi replica a Di Pietro: “Vergogna, la morte non si strumentalizza”

05 aprile 2013 ore 19:03, intelligo
Suicidi-Civitanova Marche. Librandi replica a Di Pietro: “Vergogna, la morte non si strumentalizza”
In merito alle dichiarazioni di Antonio Di Pietro relative alla tragica morte di tre anziani pensionati, uno dei quali esodato (“La colpa non è della crisi, ma delle leggi sbagliate del governo Monti e della riforma Fornero”), Gianfranco Librandi (Scelta Civica) ha duramente replicato.
“Ai tempi di Mani Pulite - afferma Librandi - già ero l'imprenditore e di notte facevo fatica a dormire per la paura che la foga giustizialista di Antonio Di Pietro potesse colpire anche una persona onesta e per bene come me; così come è accaduto a tanti altri imprenditori, vittime poi senza colpa (le inchieste lo hanno dimostrato), provate da una durissima carcerazione preventiva.  Il Governo Monti, e la riforma Fornero, al contrario di quanto pensi Di Pietro, ha restituito al nostro Paese la fiducia dei mercati internazionali, persa in anni di governi scellerati. Grazie all'azione del Governo del Professore (dopo la caduta verticale di immagine internazionale di Berlusconi), non mi è più capitato di dovermi vergognare durante le riunioni di lavoro con i miei clienti brasiliani, finlandesi o tedeschi. Mi sono sentito e mi hanno fatto sentire, ancora fiero di essere italiano, trattato finalmente con rispetto. Certo, la crisi è una gran cattiva compagna per tutti, per i cittadini, per gli imprenditori, ma soprattutto per i più deboli, ma sono certo che senza il rigore del governo Monti i problemi sarebbero stati ben più gravi. La drammatica fine di tre anziani travolti e disperati per la crisi economica mi addolora, sono vicino alle loro famiglie e avrei voluto fare, da imprenditore, qualsiasi cosa per aiutarli (e certamente, intensificherò il mio impegno parlamentare con proposte che possano facilitare lo sviluppo e quindi la ricchezza dei cittadini), ma le parole dell’ormai ex onorevole Di Pietro, rivelano solamente una vocazione strumentale inaccettabile. Tutto ciò mi fa orrore, anche perché mi domando cosa abbia dato lui all’Italia in tutti questi anni di protagonismo giudiziario e politico. Noi di Scelta Civica stiamo cercando di dare futuro e speranza, mentre altri preferiscono illudere e speculare”.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]