Nuoto, oltre la disabilità: sfida record di Cimmino senza una gamba

05 aprile 2016 ore 8:30, Adriano Scianca
Salvatore Cimmino sulle tracce di Alex Zanardi- Il 52enni di Torre Annunziata tenterà un'impresa incredibile: nuotare per 60 ore da Cuba partendo da l’Avana a Key West in Florida, 166 km, con una sola gamba.  Una traversata mai tentata da nessuno in queste condizioni. Cimmino ha già iniziato a Miami gli allenamenti in vista di questa prova, in programma il prossimo settembre, a metà strada tra l'impresa sportivo e l'esperimento scientifico. Al fianco del nuotatore ci saranno l'Università Campus Bio-Medico di Roma e aziende che forniranno tecnologie, supporti biomedicali e monitoreranno minuto per minuto ogni fase preparatoria fino alla traversata. L'obiettivo è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sulle problematiche dell'invalidità civile. Non solo. L'impresa sarà utile anche pe
raccogliere dati biomedici mai analizzati prima per nuove ricerche. Per Cimmino sarà la sfida più impegnativa di sempre: oltre 100 chilometri in più rispetto al tragitto più lungo da lui finora affrontato, la New York Swimming Marathon, 54 chilometri percorsi il 28 giugno 2014. "I segnali acquisiti nel corso degli allenamenti saranno poi elaborati per un duplice scopo - sottolineano dal Campus Bio-Medico - Estrarre dati sullo stato di Salvatore, e quindi sull'eventuale necessità di modificare i suoi ritmi di nuoto e riposo; effettuare un'analisi combinata dei dati sulle sue prestazioni motorie e fisiologiche in condizioni estreme, come quelle a cui sarà sottoposto Cimmino durante la sua prova".

Nuoto, oltre la disabilità: sfida record di Cimmino senza una gamba
A dare l’annuncio è stato lui stesso, utilizzando i social network: "Quello che desidero realizzare, partendo dalla mia disabilità, è qualcosa di imponente che non ha prezzo: recuperare una miriade di persone costrette - e non per scelta - a rimanere indietro. Raggiungere questo obbiettivo che tanti reputano irrealizzabile - La mia forza deriva da questo scetticismo - determinerebbe l’abbattimento di tutte quelle barriere che tengono prigioniera la più grande minoranza al mondo, e ne sono certo, ne beneficerebbe anche l’altra parte di popolazione che abita il nostro pianeta". Salvatore, a 15 anni fu colpito da una forma particolarmente grave di osteosarcoma e, per salvargli la vita, i medici furono costretti all’amputazione della gamba destra, a metà del femore. Cimmino ha appena ricevuto l’invito da parte del Governo cubano per essere ricevuto ufficialmente il prossimo 20 aprile all’Avana.
Un'impresa che va ricorda quelle di Alex Zanardi, capace di gareggiare anche nella IronMan Triathlon alle Hawai (3,8 km di nuoto, 180 km in handbike e 42 km in carrozzina) in meno di 10 ore malgrado le condizioni difficili in cui si è gareggiato, con temperature oltre i 30 gradi e tanta umidità. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]