L'Oms contro il diabete nella Giornata Mondiale della Salute. Numeri e consigli

05 aprile 2016 ore 20:26, Andrea Barcariol
La Giornata mondiale della salute 2016 che si celebrerà il 7 aprile sarà dedicata al diabete. Una malattia che già colpisce 350 milioni di persone colpite ma che è destinata a raddoppiare nei prossimi 20 anni, secondo gli studi effettuati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). A riportare la notizia è il sito web del ministero della Salute. "L'epidemia di diabete è in rapida crescita in molti Paesi, soprattutto in quelli a basso e medio reddito: entro il 2030 il diabete sarà la settima principale causa di morte a livello globale". Gran parte dei casi di diabete di tipo 2, che rappresentano il 90% del totale e sempre più spesso riguardano anche i giovanissimi, sono prevenibili o ritardabili con semplici interventi sugli stili di vita (dieta e attività fisica). Inoltre una diagnosi precoce, così come sapere controllare e gestire la malattia, ne previene le complicanze. Il diabete può essere controllato e gestito per prevenirne le complicanze: diagnosi precoce, educazione all’auto-gestione e trattamento a costi sostenibili sono componenti essenziali della strategia di risposta.

L'Oms contro il diabete nella Giornata Mondiale della Salute. Numeri e consigli
Gli obiettivi dell'Oms puntano ad accrescere la consapevolezza della diffusione del diabete, del suo peso e delle sue conseguenze in particolare nei Paesi a basso e medio reddito; avviare una serie di azioni specifiche, in particolare per la prevenzione; lanciare il primo Global report sul diabete che descriverà il peso e le conseguenze della malattia e raccomanderà ai sistemi sanitari di migliorarne la sorveglianza, promuoverne la prevenzione e rafforzarne la gestione.
Ecco alcuni consigli per contrastare il diabete: non esistono alimenti vietati ma alcuni cibi vanno consumati con moderazione; niente diete drastiche, impossibili da seguire per tutta la vita. Meglio una dieta ragionevole che si basi su pochi accorgimenti da applicare con regolarità; fare attività fisica tutti i giorni, non serve stare 3 ore in palestra ma almeno camminare 30 minuti; imparare ad autocontrollarsi la glicemia in momenti diversi della giornata;  non trascurare i controlli altrimenti possono insorgere problemi, anche molto gravi.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]