Richard Gere truffava ignari con affitti inesistenti, ma non era lui

05 febbraio 2016 ore 16:28, Americo Mascarucci
Alle volte essere un personaggio pubblico può rivelarsi estremamente utile per i furbi, pronti addirittura a spacciasi per l'attore di turno e compiere truffe. 
E’ stato infatti arrestato il finto Richard Gere, un truffatore che per anni è riuscito a sfuggire alla cattura “nascondendosi alla luce del sole”, ed affittando ad ignari clienti proprietà del tutto inesistenti. 
L’uomo aveva assunto l’identità fittizia del celebre attore grazie alle sue foto, e riusciva a cambiare costantemente identità millantando di possedere immobili che in realtà non esistevano.
Ma come era possibile che la gente potesse lasciarsi ingannare in questo modo? Il truffatore aveva trovato un modo efficace quanto originale per imbrogliare il prossimo. 
Clonava patenti e carte di identità inserendo la foto di Richard Gere sui documenti, e con questi apriva conti correnti ed utenze di vario genere che utilizzava per adescare le vittime.
Inseriva annunci contraffatti di immobili in località di vacanza ed abitazioni di altro genere, chiedendo ai clienti la caparra per prenderle in affitto. Ovviamente si trattava di una bufala clamorosa, eppure decine di ignari clienti sono caduti nel tranello.
Una volta ricevuta la caparra iniziale, il truffatore si dileguava. Nonostante le numerose denunce però, gli inquirenti hanno impiegato ben due anni per riuscire a risalire alla sua vera identità.
 Le accuse che ora pendono sulla testa dell’uomo sono di sostituzione di persona, contraffazione di documenti d’identità, falso documentale ed ovviamente truffa aggravata. Durante le perquisizioni in casa del truffatore sono stati rinvenuti macchinari come stampanti per la fabbricazione di documenti falsi. Il bottino delle truffe ammonta a più di 100.000 euro.
Alla faccia del vero Richard Gere che certo non sarà felice di sapere che qualcuno lo ammirava a tal punto da sostituirsi a lui per imbrogliare il prossimo.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]