Cdx, Mussolini (Fi): “Silvio traghettatore del Partito Repubblicano, ora tutti abbassino le penne”

05 maggio 2015, Marco Guerra
Cdx, Mussolini (Fi): “Silvio traghettatore del Partito Repubblicano, ora tutti abbassino le penne”
Listone unico del centrodestra per costruire il partito Repubblicano da contrapporre al Pd. Al di là delle tattiche parlamentari è questo l’obiettivo dichiarato di Berlusconi alla luce dell’approvazione dell’Italicum. Non c’è altra via anche secondo la senatrice di Fi Alessandra Mussolini che, intervistata da IntelligoNews, chiede a tutti gli esponenti del centrodestra di “abbassare le penne”. 

Mussolini che ne pensa del partito Repubblicano lanciato da Berlusconi? 

«In fondo ha senso quello che ha detto Berlusconi perché oggi è ancora più necessario riunire il centrodestra frantumato in tanti rivoli. Ma non sarà un lavoro facile perché vengono tutti dalla diaspora del Pdl…Alfano, Meloni…Ma è necessario per la democrazia altrimenti, con questa legge elettorale, avremo un solo partito al comando per i prossimi anni: il Pd».

Non trova che sia difficile da esportare il modello politico americano in Italia? 

«Il problema non è se il modello americano sia esportabile; d’altra parte, anni fa con il maggioritario stavamo andando verso questo modello, il problema sono i partiti da mettere insieme».

La Lega difficilmente ci starà…

«Forti resistenze ci saranno in tutti i partiti, certo con la Lega il discorso è più complicato, ma si è visto come è andata a finire in Veneto (la Lega ha accettato l’alleanza con Fi, ndr). Lo sanno anche loro che se non stiamo insieme non si vince. Se poi non accetteranno di formare un’unica lista faranno una battaglia di retroguardia e di bandiera ma non governeranno mai»

Ma lei che ne pensa dell’Italicum? 

«Anzitutto trovo che sia una truffa la misura sulla parità dei sessi. Perché è vero che in ogni circoscrizione le persone dello stesso sesso non possono superare il 60%, ma se metti tutti capilista bloccati di sesso maschile cambia ben poco. Ad ogni modo, bisogna prendere atto che l’Italicum non consentirà governi di coalizione. Si potrà votare qualche provvedimento insieme, ma l’opposizione farà l’opposizione e la maggioranza governerà. Di esperimenti come il Patto del Nazareno non sentiremo più parlarne».

Anche il Pdl è stato un esperimento andato male. Quali errori bisogna evitare di compiere nuovamente? 

«Ribadisco: non si tratta di errori derivanti da un particolare modello di partito ma dalle persone che lo hanno animato. Ci sono ancora personaggi che pensano di poter bastare da soli, nel centro- destra ognuno si sente leader. Ma ora anche con il 14 per cento non si va da nessuna parte».

Si ma l’Italicum prevede il ballottaggio. Si potrebbe andare in ordine sparso e appoggiare al secondo turno la lista che ha più voti… 

«Ricordiamoci bene che il ballottaggio non hai mai premiato il centrodestra, visto la composizione del suo elettorato. E poi credo che i nostri elettori meritino più chiarezza, per questo serve una lista comune fin dal primo turno. Ci sono situazioni che non devono più accadere. Ad esempio, non è ammissibile che alle prossime regionali in Campania la componente di Area Popolare che fa riferimento ad Alfano sostiene Caldoro  mentre la corrente di De Mita appoggia il candidato del centrosinistra De Luca»

Come se ne esce da questo quadro frastagliato? 

«Tutti devono abbassare le penne».

Parla degli alleati degli altri partiti di centrodestra o delle correnti interne a Fi?

«Intendo proprio tutti, sia i leader dei partiti sia le varie anime all’interno dei partiti. Io credo che dopo le regionali ci sarà un bel bagno di umiltà e allora si potranno ricreare le condizioni per un centrodestra unitario»

Resta il tema della leadership. Berlusconi vuole ancora proporsi a guida dell’eventuale listone? 

«È troppo prematuro parlare ora della leadership. Io credo però che Berlusconi abbia capito che potrà essere molto prezioso come traghettatore»


autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]