Bye bye Obama. I Repubblicani tornano maggioranza. LA MAPPA

05 novembre 2014 ore 9:39, intelligo
 
Bye bye Obama. I Repubblicani tornano maggioranza. LA MAPPA
I Repubblicani e l'"anatra zoppa" Barack Obama. La cima è stata scalata e la conquista dei sette seggi chiave in West Virginia, Arkansas, South Dakota, Montana, Colorado e North Carolina è stata ottenuta dal Grand Old Party: la prova che il presidente Usa, al suo secondo mandato, non attenderà altro che passino gli anni che gli rimangono per andarsene, ora che è un uomo solo al comando.  Nell'immagine accanto appare chiaramente che il rosso repubblicano "esplode" e che comanderà l'America, controllando di fatto il 114esimo Congresso degli Stati Uniti che si insedierà il prossimo 3 gennaio. La prova è che il Grand Old Party Gop può contare su 52 seggi su 100. E alla Camera, che già era sua, è destinato a crescere ormai. Ma quello che definiscono il più difficile periodo della presidenza Obama è storia che si ripete laggiù, la stessa sorte toccò a Eisenhower, Regan, Clinton e Bush. Da sottolineare una novità su tutte: tra i tanti referendum la capitale Washington Dc ha detto sì alla legalizzazione della marijuana con il 67% dei voti. La legge permetterà dunque di detenere liberamente fino a 57 grammi della "droga leggera" con sé. Quanto al record della donna più giovane è dei repubblicani: si tratta di Elise Stefanik ed è stata eletta per rappresentare lo stato di New York. E ora che il punto più riformatore dell'agenda repubblicana riguarda la Banca centrale vedremo come andrà a finire.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]