Maldive, rinvenuta una bomba a Male. Tensione altissima dopo lo stato d'emergenza decretato

05 novembre 2015 ore 16:08, Marta Moriconi
Maldive, rinvenuta una bomba a Male. Tensione altissima dopo lo stato d'emergenza decretato
"Una grande quantità di armi e munizioni" sequestrata dalle forze di sicurezza e lo stato d'emergenza di 30 giorni decretato dal presidente Abdulla Yameen. E ora la bomba a Male. Ma andiamo per ordine. 
 
Sul sito 'Viaggiare Sicuri' della Farnesina è apparsa questa prima comunicazione: "Il 4 novembre scorso il Presidente delle Maldive ha dichiarato lo stato di emergenza in tutto il Paese per 30 giorni, che può comportare limitazioni alle liberta' di movimento e di riunione.Il governo maldiviano ha affermato che tale provvedimento non dovrebbe comportare restrizioni ai movimenti turistici e che i resorts turistici non dovrebbero subire significative conseguenze. La situazione e' in ogni caso fluida, anche se con particolare riferimento alla Capitale Male'. Si suggerisce pertanto di posticipare temporaneamente viaggi nella Capitale ed in altre isole al di fuori di quelle che ospitano detti resorts. L'aeroporto internazionale si trova sull'isola di Hulhule, contigua a Male', che al momento non risulta interessata dalle criticità degli ultimi mesi.
Si raccomanda infine di seguire le indicazioni delle Autorità locali, di seguire l'evoluzione della situazione presso gli organi di informazioni e il sito viaggiare sicuri, e in ogni caso di evitare manifestazioni ed assembramenti".

Nulla si dice dell'aeroporto internazionale di Hulhule, al di fuori dello stato di emergenza trovandosi fuori dai luoghi menzionati dalla nota che si era resa necessaria dopo le numerose chiamate di turisti ed agenti di viaggi che chiedevano spiegazioni e maggiore chiarezza. Il Governo maldiviano ha parlato per ora di“atolli e resort non sono interessati da questa allerta", ma è chiaro che un mese di stato di emergenza fa pensare, tanto da indurre gli Stati Uniti d'America a chiedere una minore durata del provvedimento essendo un mese quello di dicembre in cui si prevedono arrivi per il Natale. Come dire: a Natale si può anche rischiare, il turismo è turismo? 
 
E' chiaro che compromettere le vacanze per la festività di fine anno non deve e non può essere il principale pensiero delle autorità per ora. 

E infatti, come volevasi dimostrare...
E' notizia di pochi minuti fa, che le forze di sicurezza delle Maldive hanno rinvenuto oggi un congegno esplosivo a Male. La bomba è stata trovata nei pressi di un deposito nella zona ovest della capitale e disinnescata senza causare danni e feriti, come ha riferito un portavoce della polizia. Il ritrovamento è avvenuto mentre il Parlamento si riuniva per ratificare la decisione di ieri del presidente Abdulla Yameen Abdul Gayoom sullo stato d'emergenza. Decisione presa come "azione preventiva e precauzionale del governo alla luce di diverse e significative minacce alla sicurezza che sono emerse nell'ultima settimana", ha spiegato il ministro degli Esteri Dunya Maumoon. "Le misure intraprese hanno lo scopo di assicurare alle forze di sicurezza tutta l'assistenza possibile nel loro compito di indagare e arrestare individui o gruppi che cercano di provocare instabilità o sovvertire le istituzioni democratiche del paese", ha sostenuto ancora il ministro. 

Intanto la tensione politica alla Maldive è salita nelle ultime settimane, dopo l'arresto per tradimento del vice presidente Ahmed Adheeb, accusato di essere coinvolto nell'attentato fallito contro il presidente Yameen e la moglie, rimasta ferita nell'esplosione della lancia che li portava dall'aeroporto alla capitale di rientro dall'Arabia Saudita. Intanto, l'ex presidente Mohamed Nasheed, che sta scontando una pena di 13 anni di carcere, ha indetto una manifestazione per domani.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]