Libia, liberati i due ostaggi italiani: forse un blitz governativo

05 novembre 2016 ore 10:38, Adriano Scianca
Sono liberi Danilo Calonego e Bruno Cacace, i due tecnici italiani rapiti in Libia lo scorso 19 settembre, ed è libero anche il cittadino canadese sequestrato insieme a loro, Frank Poccia. La conferma, dopo le indiscrezioni dei media libici, è arrivata dorettamente dalla Farnesina. I due tecnici sono già in Italia, hanno fatto rientro nelle prime ore di stamattina con un volo dedicato e sono già nella caserma dei carabinieri del Ros di via di Ponte Salario a Roma, dove saranno sentiti in mattinata dal pm Sergio Colaiocco, titolare dell’inchiesta aperta per sequestro di persona con finalità di terrorismo. L’atto istruttorio dovrebbe svolgersi in una caserma dei carabinieri del Ros. 

Libia, liberati i due ostaggi italiani: forse un blitz governativo

Secondo quanto trapelato, i due italiani sarebbero stati liberati dalle forze di sicurezza del Consiglio presidenziale della Libia attraverso un blitz. Bruno Cacace, 56 anni, residente a Borgo San Dalmazzo (Cuneo), che vive in Libia da 15 anni, e Danilo Calonego, 66 anni, della provincia di Belluno, erano stati rapiti tra le 7 e le 8 del mattino del 19 settembre scorso a Ghat, da sconosciuti armati e mascherati. Sin da subito era apparso chiari che nel rapimento non c'entrassero gruppi terroristici o religiosi, che pullulano nel Paese, ma che fosse piuttosto affare di una banda di delinquenti comuni, presto individuata dalle autorità locali, che sarebbero quindi passate all'azione liberando i tre ostaggi.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]