Panchina Inter, l'ipotesi incredibile: tandem Zola-Marcelino

05 novembre 2016 ore 14:49, Adriano Scianca
Ci chiama Marcelino García Toral, ma per tutti è semplicemente Marcelino, il nuovo probabile tecnico dell'Inter. L'ex tecnico del Villarreal sarebbe a questo punto la scelta numero uno di Suning. In netto ribasso le quotazioni di Stefano Pioli. È quello di Gianfranco Zola, piuttosto, il nome nuovo nella complessa ricerca per un nuovo tecnico dei nerazzurri. L'ex calcaitore ha incontrato in mattinata i rappresentanti di Suning a Milano. La partita, quindi, sarebbe tra il sardo e lo spagnolo. Con una ipotesi clamorosa: Zola potrebbe anche assumere l'incarico di vice di Marcelino in caso di scelta dello spagnolo per la panchina. 

Panchina Inter, l'ipotesi incredibile: tandem Zola-Marcelino

Ma chi è lo spagnolo che potrebbe ereditare la panchina traballante di De Boer? Ex calciatore, ha giocato tra Primera, Segunda e Tercera División, militando con Sporting Gijón, Racing Santander, Levante e l'Elche. Si è ritirato a 28 anni in seguito ad un infortunio a un ginocchio. Ha anche partecipato con la Nazionale spagnola Under-20 ai Mondiali Under-20 del 1985 segnando un gol ai quarti di finale contro la Bulgaria e raggiungendo, sotto la guida di Jesús María Pereda, la finale persa 1-0 contro il Brasile a Mosca. Ha collezionato anche otto presenze con l'Under-21. 

Come allenatore, ha iniziato la sua carriera da allenatore sulla panchina del Lealtad, squadra della Tercera División, portandola in Segunda. Nel 2001 è diventato l'allenatore dello Sporting Gijón. Nel 2005 è passato al Recreativo de Huelva con cui ha ottenuto la promozione in massima serie. Nella stagione 2006-2007 ha allenato quindi per la prima volta nella Liga, arrivando in ottava posizione. Questo risultato gli ha permesso di vincere il Trofeo Miguel Muñoz, assegnato ogni anno al miglior allenatore del campionato. Un anno dopo è passato al Racing Santander con cui ha concluso il campionato al sesto posto, permettendo alla squadra della Cantabria di accedere alla Coppa UEFA per la prima volta nella sua storia, e raggiunge le semifinali di Coppa del Re, altro primato nella storia del Racing, dove viene eliminato dal Getafe. Ha poi allenato il Real Saragozza, appena retrocesso in Segunda División, ottenendo subito la promozione in massima serie e vince per la seconda volta il Trofeo Muñoz. L'anno successivo è stato però esonerato. È poi tornato al Racing Santander e successivamente è passato al Siviglia e in seguito al Villarreal.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]