Raccolgono verdura e si avvelenano, era mandragora. I precedenti

05 ottobre 2015, Andrea De Angelis
Non è la prima volta che accade e, purtroppo, non sarà l'ultima. 

Raccolgono verdura e si avvelenano, era mandragora. I precedenti
La raccolta della verdura fresca è una prassi diffusa e sana, a patto però che la prudenza non sia mai troppa. Alcuni prodotti dell'orto, infatti, possono ingannare anche chi è esperto, figuriamoci i novelli. Così scambiare una verdura per un'altra è un rischio non solo per il palato, ma soprattutto per la salute. 

Due donne si trovano ricoverate in gravi condizioni all'ospedale Ingrassia di Palermo per avere ingerito mandragora, nota anche come mandragola. Le due donne dopo aver mangiato le verdure hanno avvertito vari sintomi quali confusione mentale, vertigini, nausea, diarrea e malessere generale

Subito si sono dirette in ospedale, dove si trovano in codice rosso, i sanitari hanno atteso l'arrivo dell'antidoto, la fisostigmina, dal centro antiveleni come riporta l'Ansa. 

Lo scorso marzo un caso simile accadde sempre in Sicilia, a Sciacca. Padre e figlio raccolsero della mandragora scambiandola probabilmente per borragine. Ne mangiarono in discreta quantità, venendo colti da malore e furono costretti ad essere trasferiti prontamente in ospedale.
Il padre fu intubato e le sue condizioni, come riportato dal Giornale di Sicilia, rimasero critiche per alcune ore, mentre il figlio se la cavò con una lavanda gastrica. A entrambi venne somministrato l'antidoto specifico. 

Un'altra vicenda simile, sempre a marzo, avvenne in Sardegna in quel di Iglesias

Doveva essere una cena leggera, a base di bietole, condite con due gocce di limone e un filo d'olio. Ma la serata fra coniugi, due sessantenni di Iglesias, ha avuto ripercussioni pesanti. Per fortuna i due ricoverati d'urgenza al Santa Barbara di Iglesias sono stati salvati grazie alle conoscenze di quello che si è rivelato un caso di avvelenamento già avvenuto nel 2013: Mandragora al posto delle bietole.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]