Sesso con problemi per i maschi umbri: anche i minori chiedono aiuto

05 ottobre 2015, Marta Moriconi
Sesso con problemi per i maschi umbri: anche i minori chiedono aiuto
 I dati sono choc, e tra l'altro riguardano soprattutto una Regione del Centro Italia: l'Umbria. Se ne è parlato al convegno, organizzato dallo società scientifica per l’aggiornamento dei medici di medicina generale Snamid: i disturbi della sfera sessuale coinvolgono i maschi perugini. Ma tranquilli, ci sono i rimedi. 

Per Alessandro Zucchi, dirigente medico dell’Azienda ospedaliera di Perugia e responsabile del servizio di Andrologia e chirurgia andrologica ricostruttiva, intervenuto presso il Centro congressi "i problemi sessuali che affliggono i cittadini di ogni età si possono e si debbono risolvere per migliorare la loro qualità di vita: la figura dell’andrologo è in grado di offrire un importante contributo per risolvere i bisogni della popolazione maschile, grazie alle tecniche chirurgiche e le competenze di cui dispone la nostra sanità pubblica". 

Dunque affidatevi agli esperti, è la prima regola.

Quanto a disfunzione erettile ed eiaculazione precoce esiste la terapia, anche chirurgica. 

Intanto i dati a disposizione di ciascuna struttura sanitaria sono allarmanti. Ed esprimono un problema "sommerso per il timore di doversi confrontare con lo specialista. Spesso si è più portati a confidare il proprio disagio al medico curante, e questo è già un primo passo importante per iniziare un percorso di diagnosi e di terapia" dice l'andrologo.

Basti pensare che nel centro della struttura complessa di Urologia e andrologia del S. Maria della Misericordia diretto da Massimo Porena, sono oltre 800 i giovani che fanno uno screening, e molti sono minori di 18 anni. 

Per Zucchi e per l'Azienda ospedaliera di Perugia: "Quando era ancora in vigore la visita di leva, in oltre il 70% dei ragazzi venivano riscontrate patologie ai genitali". Il problema nasce proprio dall'abolizione di questo screening di massa, da allora "il fenomeno non ha nessun tipo di controllo. Purtroppo gli adolescenti, per una serie di motivi storici e culturali, non vengono seguiti nel corso del loro sviluppo sessuale, cosa che al contrario avviene per le ragazze. Si verifica così che, ad occuparsi del loro sviluppo puberale, siano esclusivamente i genitori e le conseguenze sono spesso molto serie. Questa mancanza di assistenza determina problemi di carattere sanitario come sterilità e disturbi sessuali, con ricadute sul piano sociale" chiude l'esperto.

Ecco le malattie più comuni: varicocele, criptorchidismo, ipogonadismo, recurvatum penieno congenito, fimosi, ernie inguinali congenite, lichen sclero atrofico, e le altre malattie a trasmissione sessuale, che non sono poche. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]