Nobel fisica di quest'anno "sulla materia strana": di cosa si tratta

05 ottobre 2016 ore 10:37, Americo Mascarucci
Il premio Nobel per la fisica ha premiato il lavoro di tre scienziati britannici che hanno spiegato, grazie a modelli matematici, il comportamento della materia nei cosiddetti stati "esotici".
Il premio Nobel per la fisica 2016 è infatti stato assegnato per metà a David J. Thouless e per metà a F. Duncan M. Haldane e J. Michael Kosterlitz, "per le scoperte teoriche delle transizioni di fase topologiche e le fasi topologiche della materia". 
Thouless, Haldane e Kosterlitz hanno contribuito alla comprensione più intima della materia usando metodi matematici molto avanzati. Grazie al loro lavoro si sono fatti progressi nel mondo dei superconduttori (materiali che non offrono resistenza al passaggio dell'elettricità), superfluidi, (liquidi in cui non c'è attrito tra le molecole che li compongono) o sottili pellicole magnetiche. E, secondo gli eperti, le applicazioni del loro lavoro teorico troveranno presto applicazione nell'elettronica e nella scienza dei materiali. 

"I tre hanno studiato i processi che avvengono nella materia quando avviene il passaggio da uno stato a un altro" ha spiegato all' Ansa Marco Grilli, del dipartimento di Fisica dell'Università Sapienza di Roma. 
"I ricercatori premiati con il Nobel sono stati i primi a vedere che cosa succede quando si passa da un oggetto magnetizzato, come una calamita, a un oggetto che non lo è, oppure da un metallo normale a un metallo superconduttore, o ancora da un fluido normale a superfluido che non ha viscosità. Negli anni '70 -ha proseguito Grilli-, Kosterlitz e Thouless sono stati i primi a osservare i passaggi che avvengono nei materiali che hanno solo due dimensioni, scoprendo che esisteva un modo nuovo nei quali la materia poteva passare da una fase a un'altra. In particolare hanno scoperto che durante questi processi, chiamati passaggi di fase, la materia parte da uno stato ordinato per diventare disordinata.
Nobel fisica di quest'anno 'sulla materia strana': di cosa si tratta
Hanno scoperto inoltre che questo passaggio avviene con la formazione di vortici che si estendono progressivamente. Haldane, invece, si è occupato del modo in cui il passaggio da uno stato all'altro può avvenire in modo diverso in materiali diversi e che queste differenze dipendono dalla struttura interna, più o meno complessa".
Secondo gli esperti, le applicazioni del loro lavoro teorico troveranno presto applicazione nell'elettronica e nella scienza dei materiali. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]