Lo schianto inspiegabile contro un cantiere: i dubbi sulle cause

05 ottobre 2016 ore 13:59, intelligo
di Luciana Palmacci

Un giovane di 28 anni di Argenta ha perso la vita per un incidente stradale avvenuto ieri sull'autostrada A14 tra i caselli di Riccione e Rimini Sud. Il ragazzo alla guida di un furgone sarebbe morto subito dopo lo schianto contro due mezzi della società Autostrade per l'Italia fermi nella terza corsia dell’autostrada A-14, in direzione Bologna. Stefano, questo il nome del giovane, non si sarebbe accorto dei mezzi fermi sulla carreggiata, tra l'altro in pieno giorno, con un cantiere mobile segnalato dagli operatori dell'Anas che stavano svolgendo manutenzione. Un miracolo che l'incidente non si sia trasformato in strage, senza coinvolgere altri veicoli in transito e, soprattutto risparmiando i lavoratori.

Lo schianto inspiegabile contro un cantiere: i dubbi sulle cause

Secondo le prime ricostruzioni, il ragazzo alla guida del furgone si sarebbe accorto all'ultimo momento dei mezzi fermi e di conseguenza non sarebbe riuscito a frenare in tempo. Sbalzato fuori dal veicolo, è morto sul colpo. Sul posto sono intervenuti la Polizia Stradale, il personale di Autostrade per l'Italia, i Vigili del Fuoco oltre ai i soccorsi sanitari. Vani dunque i tentativi di rianimazione, per il giovane di Argenta non c'è stato nulla da fare. Per fare luce sulla vicenda si spera soltanto nell'autopsia Solo l'autopsia potrà forse chiarire come mai il giovane è piombato sui mezzi dell'Anas in quel modo: una distrazione, un malore improvviso, un colpo di sonno, fra le ipotesi avanzate nell'immediatezza della tragedia.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]