Che fine ha fatto Antonella Elia?

05 ottobre 2016 ore 16:02, intelligo
di Anna Paratore

Quando si dice sfortuna nera! Antonella Elia nasce nel novembre del 1963 in una famiglia agiata della Torino bene.  Un’ottima “partenza” in teoria, se non fosse che già a due anni rimane orfana di madre.  
Ciononostante, il papà, l’avvocato Enrico Elia, riempie completamente il suo vuoto affettivo, amando la figlia teneramente. Così, anche senza mamma, Antonella sembra avere davanti a sé un futuro e una vita tranquilli. Ma quando ha solo 15 anni anche su padre viene meno.  Succede in un incidente stradale sull’Autostrada dei Fiori dove oltre all’avvocato Elia perde la vita anche l’ex-calciatore Paolo Barison. Antonella si vede sottrarre così quel che resta della sua famiglia più stretta, e anche la serenità di un’esistenza protetta.  Va a vivere presso altri parenti e studia a Torino dove consegue la maturità classica. Poi si trasferisce a Roma dove frequenta la scuola di recitazione di Tonino Conto. 
Antonella inizia la sua carriera artistica con piccole parti in teatro e qualche pubblicità fino a quando non debutta nel 1990 come valletta di Corrado nello storico spettacolo La Corrida, dove verrà riconfermata anche negli anni 91, ’92, ’93 e 1994.  Intanto, viene notata da Gianni Boncompagni, che la vuole nella prima edizione di Non è la Rai, condotta da Enrica Bonaccorti. Poi, nel 1992 Antonella Elia affianca Paolo Bonolis alla conduzione del varietà estivo Bulli & pupe, co-conduce con Corrado e Fabrizio Frizzi la nona edizione del Gran Premio Internazionale dello spettacolo e partecipa al varietà Questo è amore, per il quale canta anche l'omonima sigla.
A questo punto Antonella risulta sempre più in auge sul piccolo schermo, dove colleziona ammiratrici e ammiratori.  La vuole Vianello per il suo programma sul calcio, Pressing. Antonella vi lavora dal 1993 al 1995.  Nel 1995, dopo aver lavorato con Alberto Castagna in Cuori e denari,  inizia la sua avventura con Mike Bongiorno, grande scopritore di nuovi talenti. I due sono insieme per La ruota della fortuna quando Antonella inciampa in un “incidente di percorso” criticando la vendita delle pellicce  e contemporaneamente dimenticando che proprio una grande pellicceria a livello nazionale è uno degli sponsor primari del programma. Mike non glielo perdona, tanto che Antonella nel 1996 lascia la Mediaset per condurre su TMC2 un programma giornaliero, Dritti al cuore. Nel 1997 Antonella Elia porterà all'esordio insieme a Claudio Bisio il programma cabarettistico Zelig - Facciamo Cabaret, in seconda serata su Italia 1, reciterà nel ruolo della nipote della bidella della scuola Franca Valeri nella seconda stagione della fiction Mediaset Caro maestro con Marco Columbro, Elena Sofia Ricci, Sandra Mondaini e Stefania Sandrelli. Nel 1998 condurrà su TMC il programma Centocittà e, l'anno successivo, prenderà parte al programma Duri Quotidiani insieme a Demo Mura, per l'allora neonata emittente satellitare Mediaset Happy Channel.
Gli anni 2000 portano ad Antonella Elia la partecipazione al reality show L’isola dei famosi, dove si segnala per una rissa con Aida Yespica, finita con le due che se le danno di santa ragione mentre Facchinetti jr. tenta disperatamente di separarle.  
Alla fine, Antonella viene eliminata, con buona pace del pubblico e per la gioia dei suoi compagni d’avventura che non vedevano l’ora di disfarsi di lei.  
Per Antonella si aprono poi le porte di Buona Domenica 2005/2006. Seguono poi partecipazioni a Il derby del cuore, La vita in diretta, XFactor – il processo. Nel 2012 torna a vestire i panni di naufraga prendendo parte come concorrente alla nona edizione del reality show L'isola dei famosi, uscendone vincitrice con il 73,45% dei voti battendo al televoto Manuel Casella e devolvendo i soldi della vincita ad Amnesty International, e nel 2013 torna in prima serata su Rai 1 come ospite fisso di Superbrain, condotto da Paola Perego.
Lentamente, però, la Elia si distacca sempre di più dalla TV e dal grande schermo, per dedicarsi quasi completamente al teatro. Recita infatti in Bello di papà (2006), di e con Vincenzo Salemme, Il Re di New York (2008), al fianco di Biagio Izzo con la regia di Claudio Insegno, 24 Dicembre (2009) e 'Na Santarella (2010), entrambi al fianco di Mario Brancaccio. Nello stesso anno interpreta La Venexiana, con la regia di Giacomo Zito, cui seguono: La Verità (2011), per la regia di Maurizio Nichetti con Massimo Dapporto; Dignità Autonome di Prostituzione (2014), per la regia di Luciano Melchionna; La mia futura ex con Franco Oppini e Simona D'Angelo, per la regia di Luca Pizzurro, e Benvenuti a..., diretto e interpretato da Giacomo Rizzo; Il più brutto weekend della nostra vita (2016), per la regia di Maurizio Micheli, anche protagonista al fianco di Benedicta Boccoli e Nini Salerno.
Attualmente, ha detto: “Sto preparando uno spettacolo teatrale, dipingo e ho scelto di non andare più ospite in televisione come opinionista, non mi piace dire la mia su qualsiasi tema solo per comunicare al pubblico: ricordatevi che esisto".
E tu Antonella ricordati del tuo pubblico e dei tuo fan,e torna a farti vedere quando puoi.                                   

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]