Galaxy Note 7 diventa arma-videogame e Samsung sfodera spot reality

05 ottobre 2016 ore 16:39, Americo Mascarucci
Samsung dopo il clamoroso flop del Galaxy Note 7 richiamato per le numerose esplosioni delle batterie sta tentando di risalire la china, rilanciando la propria immagine sul mercato.
Adesso si è appreso che il colosso coreano starebbe realizzando un grande spot pubblicitario con il coinvolgimento degli acquirenti che non hanno avuto problemi di esplosioni e che anzi usano il Note 7 con soddisfazione.
Persone che, selezionate fra quanti si candideranno a partecipare, saranno chiamate a raccontare la loro positiva esperienza con il Galaxy Note 7, per dimostrare che il prodotto è sicuro ed efficace e che le esplosioni sono state soltanto un incidente di percorso che non mette in discussione la qualità del prodotto. 
Samsung spera così di dissipare i dubbi di quanti hanno timore di acquistare il Note 7. 
Lo spot pubblicitario dovrebbe tenersi nel centro di New York entro fine ottobre, con persone comuni che possiedono il phablet.
Le persone che saranno selezionate dall’azienda sud-coreana riceveranno un pagamento minimo di 600 dollari al giorno.
Nonostante il richiamo del Galaxy Note 7, Samsung dovrebbe chiudere il trimestre in crescita grazie ai chip di memoria forniti ad Apple.
L'utile tra luglio e settembre dovrebbe attestarsi intorno ai 6,65 milioni, in crescita dello 0,7% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno.

Galaxy Note 7 diventa arma-videogame e Samsung sfodera spot reality
Intanto il telefono Android è finito anche in un videogame. Più precisamente in GTA V, dove un modder, cioè un utente esperto nella modifica del motore di gioco, ha pubblicato una patch che introduce il Note 7 all’interno del gioco. Per acquistarlo però non bisogna andare in un negozio specializzato, ma in un’armeria: il Note comparirà infatti tra gli strumenti di distruzione a disposizione dei giocatori, sostituendo le vecchie granate esplosive.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]