Il referendum di Renzi divide gli ex Ds: Fassino contro D'Alema, Bersani in finestra

05 settembre 2016 ore 16:33, Americo Mascarucci
Il referendum costituzionale ha di fatto spaccato il Partito Democratico ma ancora di più gli ex Ds.
Mentre infatti Massimo D'Alema organizza i comitati per il No e attacca il Premier, il vecchio compagno di partito Piero Fassino è invece schierato per il Sì e contesta all'ex segretario Ds di non aver compreso l'importanza della riforma.
D’Alema tira dritto per la sua strada incurante di come, anche persone a lui vicine, critichino il suo attivismo per il No. contro scende in campo. 
D’Alema è in campo per organizzare una rete di comitati unitari di centrosinistra per il No, ai quali potrebbe aggiungersi anche Sinistra Italiana. Tra i parlamentari che sono pronti a seguire l'ex Premier e segretario Ds spuntano i nomi di Paolo Corsini, Nerina Dirindin, Luigi Manconi, Claudio Micheloni, Massimo Mucchetti, Lucrezia Ricchiutti, Walter Tocci, Luisa Bossa, Angelo Capodicasa, Franco Monaco.
Una spaccatura che secondo il Governatore della Toscana Enrico Rossi, Renzi dovrebbe fare di tutto per scongiurare:"Se io fossi segretario Pd, riunirei quelli che hanno detto di votare no e cercherei di capire cosa hanno da dirmi. Io voterò sì - ha ribadito Rossi - . 
ma a quelli che dicono No chiederei quali leggi si dovrebbero fare per venire incontro alle loro obiezioni".

Il referendum di Renzi divide gli ex Ds: Fassino contro D'Alema, Bersani in finestra
Sul fronte del Sì invece da registrare la fusione dei Giovani Turchi con la corrente del ministro Martina ex dalemiano. 
E' stato sottoscritto un appello firmato fra gli altri da da Fassino, Zingaretti, Finocchiaro, Orfini, De Micheli, Zavoli, Pittella, Tronti e da Sergio Staino. Una presa di distanza da D'Alema al quale molti dei firmatari erano legati. 
Il leader della minoranza Dem Gianni Cuperlo intanto ha polemizzato con l'Unità smentendo pubblicamente un titolo che gli attribuiva una stroncaturaall’iniziativa di D’Alema: "Spiace molto che L’Unità, giornale a cui siamo tutti legati per ragioni politiche e affettive, abbia titolato la mia intervista di oggi con un virgolettato che non ho mai pronunciato". 
Una smentita che secondo molti potrebbe essere il preludio ad un avvicinamento fra Bersani e D'Alema e un passaggio della minoranza Dem nel fronte del No. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]