Analisi del sangue al setaccio hi-tech: in 40 minuti scoprono i tumori

06 agosto 2015, Andrea De Angelis
Avremo una diagnosi più rapida del male del secolo, con maggiori possibilità di guarigione. 

Analisi del sangue al setaccio hi-tech: in 40 minuti scoprono i tumori
A prometterlo è un gruppo di ricercatori italiani il cui lavoro ha permesso di giungere a questa sensazionale tecnologia che, in futuro, permetterà oltre alla diagnosi precoce delle metastasi anche una migliore personalizzazione delle terapie.

Grazie ad una piattaforma di National Instruments il gruppo di ricercatori italiani ha sviluppato questa tecnologia che può essere definita come una sorta di 'setaccio' hi-tech capace di trovare le cellule tumorali che circolano libere nel sangue. 

Nel gruppo, come riporta l'Ansa, anche Fabio Del Ben, esperto di medicina rigenerativa all'Università di Trieste e co-fondatore della start-up Cytofind Dignostics che sta sviluppando il prototipo.

"Il nostro dispositivo è in grado di trovare le cellule rilasciate in circolo dal tumore semplicemente analizzando una provetta di sangue in 40 minuti", spiega il ricercatore.

Il "setaccio" hi-tech agisce frazionando il sangue in microscopiche goccioline che vengono poi analizzate una per una alla ricerca dei "rifiuti" prodotti dal metabolismo alterato della cellula tumorale. 

"Quando le cellule impazziscono - precisa Del Ben - consumano grandi quantità di ossigeno e glucosio, producendo acido lattico. Questo rifiuto, una volta riversato all'esterno, determina un piccolo abbassamento del pH dell'ambiente circostante, ed è proprio questa variazione di acidità che noi andiamo a cercare in ogni singola goccia di sangue".

Seguici su Facebook e Twitter 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]