Mef, più entrate tributarie da Ires, Iva e Irpef nel bimestre 2016: funziona strategia

06 aprile 2016 ore 11:38, Lucia Bigozzi
Più soldi nelle casse dello Stato. Nei primi due mesi del 2016 è questo l’andamento registrato per gli incassi di Iva e Ires. Gettito dunque, positivo e a due cifre. Stesso trend per il gettito derivante dall’Irpef. Lo certificano i dati resi noti dal Mef  (Ministero delle Finanza) secondo cui il ricavato proveniente dall’Irpef ammonta a 34.462 milioni di euro (e fa registrare un +5,2% pari a 1.701 milioni di euro). La ragione, secondo gli esperti del ministero, sta nell’andamento positivo delle ritenute da lavoro dipendente del settore privato (+8,5% pari a 1.304 milioni di euro). 
Il trend risente sia degli effetti delle disposizioni del Decreto legislativo 175/2014 relative al modello di versamento delle imposte che prevedono l'indicazione dell'Irpef al lordo delle compensazioni effettuate, sia dell'incremento delle ritenute a titolo di acconto (+155 milioni di euro pari a +65,4%) applicato ai pagamenti delle spese e degli interventi di ristrutturazione edilizia. 

Mef, più entrate tributarie da Ires, Iva e Irpef nel bimestre 2016: funziona strategia
Per quanto riguarda l’Ires, gli esperti del ministero rilevano un aumento di 168 milioni di euro (pari a un + 6,3%) rispetto allo stesso periodo del 2015, mentre l'Iva registra un +14% e sale a 13.506 milioni.  
Complessivamente, nei primi due mesi dell’anno, le entrate fiscali per lo Stato sono salite a 62.464 milioni di euro, con un incremento del 2 per cento che, tradotto in valore assoluto significa che nelle casse dell’Erario sono entrati 1.195 milioni di euro in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Infine, il Mef segnala il capitolo “canone Rai”, ricordando che fino allo scorso anno veniva versato entro il mese di febbraio con i “tradizionali” bollettini postali o anche con pagamento online ma da quest’anno la novità del canone nella bolletta elettrica, fa slittare il periodo di pagamento al prossimo luglio. Se si “neutralizzano” gli effetti sul gettito dalle nuove modalità di versamento, la crescita risulta pari a un +4,5%.  
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]