Spifferi che s'alzano: niente nozze tra botox e viagra, questo matrimonio non s'ha da fare

06 aprile 2016 ore 11:21, intelligo
Saltano le nozze fra il Botox e il Viagra. Pfizer avrebbe deciso, come riporta l'Adnkronos, di rinunciare alla prevista acquisizione da 150 mld di dollari di Allergan, dopo che l'amministrazione Obama ha preso di mira ancor più duramente il meccanismo della 'tax inversion': l'accordo avrebbe infatti spostato la più grande azienda farmaceutica Usa in Irlanda, alleggerendo in questo modo anche la pressione fiscale. A danno delle casse americane. 

A riferirlo è il 'Wall Street Journal', che ripercorre la vicenda, spiegando che il consiglio di Pfizer ha già votato lo stop all'intesa, comunicandolo anche ad Allergan, con sede a Dublino. L'annuncio ufficiale, scrive Adnkronos, dovrebbe arrivare nelle prossime ore. 

Per le mancate nozze Pfizer pagherà una "piccola" somma ad Allergan, si parla di circa 400 milioni di dollari. Una cifra giudicata "relativamente ridotta, soprattutto in considerazione il valore di mercato di Pfizer, pari a circa 200 miliardi di dollari", scrive il Wsj. A motivare il passo indietro nell'intesa fra l'azienda produttrice della pillola blu e quella della tossina spiana-rughe, sarebbe proprio il recente nuovo attacco dell'amministrazione Obama al fenomeno della 'tax inversion', con cui alcune aziende americane hanno spostato la residenza fiscale al di fuori degli States, per ridurre la pressione fiscale. Per Pfizer, comunque, non si tratta della prima operazione importante a finire nel nulla: nel 2014 il colosso del farmaco aveva provato senza successo ad acquisire l'azienda anglo-svedese AstraZeneca.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]