Elezioni, tutti al ballottaggio: Raggi avanti 11 punti, Pd fuori a Napoli rischia a Milano

06 giugno 2016 ore 7:54, Andrea De Angelis
Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna tutte al ballottaggio. Nella maggior parte dei casi con un candidato donna e con sfide decisamente aperte. Il primo dato, quello dell'affluenza, è buono a livello nazionale, ma non nelle grandi città dove non si riesce ad arrivare mai alla soglia simbolica del 60%. Gli altri dati, quelli ufficiali, stanno ancora arrivando dopo una notte davvero lunga. Basti pensare che alle 7 di mattina, tanto per fare un esempio, e dunque otto ore dopo la chiusura dei seggi, a Roma mancano quasi un quarto delle sezioni all'appello. 

A Roma la vittoria del Movimento 5 Stelle è andato oltre ogni più rosea aspettativa. I 35 punti percentuali raccolti da Virginia Raggi la rendono favorita per il ballottaggio dove se la vedrà con Roberto Giachetti, quattro punti avanti a Giorgia Meloni che ha preso circa il doppio dei voti di Alfio Marchini. Fermo al 5% Stefano Fassina. Renzi riesce dunque nell'impresa di portare il Pd romano al ballottaggio, ma in posizione di netto svantaggio rispetto alla candidata pentastellata e grazie soprattutto alle divisioni interne al centrodestra. 
A Milano invece un solo punto percentuale separa Sala e Parisi, con il secondo autore di una rimonta per certi versi clamorosa rispetto ai recenti sondaggi. Sarà dunque un duello all'ultimo voto e resta da capire se e chi voterà l'elettorato del Movimento 5 Stelle che, con Corrado, si è fermato al 10%.
Elezioni, tutti al ballottaggio: Raggi avanti 11 punti, Pd fuori a Napoli rischia a Milano
In quel di Torino i primi exit poll davano Fassino e Appendino vicinissimi. In realtà tra i due ora c'è più o meno lo stesso distacco di Roma (ma a parti invertite). Di certo nel capoluogo piemontese il centrodestra, spaccato in tre candidati (peggio ancora dunque che nella capitale) dirà la sua nel ballottaggio. Laddove Fassino dovesse subire un'emorragia di voti, quello di Appendino potrebbe essere il vero nome sorprendente, anche più di Raggi. 
Infine Napoli, con De Magistris al 42% pronto a governare per altri cinque anni la città. Dietro di lui Lettieri del centrodestra, fermo al 24% e con circa due punti di vantaggio sulla democratica Valente. Come l'ultima volta, dunque, il Partito Democratico è fuori anche dal ballottaggio ed è questo, forse, il dolore più grande per Matteo Renzi. 

Nelle altre città a Bologna il sindaco uscente Merola raccoglie forse meno del previsto (39%), ma è avanti oltre 17 punti a Borgonzoni del centrodestra che precede di cinque lunghezze il Movimento 5 Stelle (Bugani). Tra le città dove invece i giochi sono già chiusi spiccano Cagliari (Zedda 52%, centrosinistra) e Salerno (Napoli 70%, centrosinistra).
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]