Migranti, a Ventimiglia emergenza senza fine: adesso pure la varicella

06 giugno 2016 ore 10:31, Americo Mascarucci
Tre migranti che erano accampati a Ventimiglia sono stati ricoverati con la febbre molto alta al reparto malattie infettive dell’ospedale di Sanremo: è stata diagnosticata la varicella. 
Subito l’Asl ha inviato sul posto tre medici per provvedere alla vaccinazione delle 500 persone che in questi giorni e sempre in aumento sono ospitate nella chiesa di San Nicola e in altre strutture della chiesa a Ventimiglia, dopo che il ministro Alfano aveva fatto smantellare il centro della Croce Rossa. 
"Auspichiamo al più presto l’apertura di un centro di accoglienza - ha commentato il responsabile della Caritas Maurizio Marmo. 
Migranti, a Ventimiglia emergenza senza fine: adesso pure la varicella
Ma nonostante le sollecitazioni anche da parte dello stesso sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano, sembrerebbe che la possibilità di aprire un centro di accoglienza transitorio non sia fattibile almeno in tempi brevi. 
"E' una situazione insostenibile, fermateli prima che arrivino in città - attacca il sindaco - Noi cerchiamo di stringere i denti, ma con questi numeri, davvero non si regge. Abbiamo allo studio alcune ipotesi per creare un centro transitorio di accoglienza, ma anche nell'eventualità in cui riuscissimo a reperire i locali, ci vorrà del tempo prima di essere operativi. Se i migranti non devono più arrivare a Ventimiglia - conclude il sindaco, ricordando quanto detto al ministro Alfano - allora che vengano rafforzati i controlli".

L'emergenza a Ventimiglia continua a crescere sia dal punto di vista umanitario che sanitario: al momento, nei locali della parrocchia sono presenti almeno 500 migranti, 400 hanno accettato di farsi registrare. Sono stati distribuiti circa 700 pasti. 
Continuano i colloqui tra diocesi e istituzioni per cercare delle soluzioni alternative, quantomeno per l'immediato. 
In queste ore don Ferruccio Bortolotto ha rilanciato la possibilità di ospitare i migranti all'interno delle strutture del seminario di Bordighera, di cui è rettore. Ipotesi che, tuttavia, difficilmente prenderà corpo a causa del veto posto dal sindaco Giacomo Pallanca.
"I migranti che vorranno farsi registrare e chiedere asilo in Italia avranno un canale privilegiato; tutti gli altri potremmo assisterli solo qualche giorno" avverte Marmo - non vogliamo identificare nessuno, ma solo conoscere meglio le persone per gestire meglio la loro accoglienza, per questo abbiamo pensato di registrarli".
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]