Istat: dati settore agricolo 2015, occupazione +2,2% e volumi +3,8%

06 giugno 2016 ore 21:59, Luca Lippi
L’Istat diffonde i dati sul settore agricolo nazionale riferiti al 2015, riguardo l’occupazione cresce complessivamente  del 2,2%. Lo leggiamo dal rapporto “l’andamento dell’economia agricola”.
Particolarmente pronunciato, precisa l'istituto di statistica, è l'incremento delle unità dipendenti (+2,8%), cui si associa una crescita dell'1,9% di quelle indipendenti. Risultati positivi si registrano anche per l'industria alimentare, dove l'aumento delle unità di lavoro è pari allo 0,7%. Il report evidenzia poi segnali di recupero nel 2015 degli investimenti nel settore agricolo (+0,6%), dopo il forte calo registrato nel 2014 (-6,1%). Quanto ai prezzi dei prodotti agricoli venduti, risultano in lieve calo (-0,5%), mentre i prezzi dei prodotti acquistati segnano una flessione più marcata (-3,3%); ne deriva un recupero dei margini rispetto al 2014. Infine a livello territoriale la produzione in agricoltura cresce in tutte le aree ad eccezione del Nord-ovest (-1,1%). Gli aumenti più marcati si registrano al Sud (+5,9%) e al Centro (+3,5%).

Istat: dati settore agricolo 2015, occupazione +2,2% e volumi +3,8%
Il valore aggiunto dell'agricoltura è ammontato a 33,1 miliardi di euro, pari al 2,3% del valore aggiunto nazionale. Rispetto al 2014 la crescita è stata del 5,6% a prezzi correnti e del 3,8% in volume. I prezzi dei prodotti agricoli venduti sono risultati in lieve calo (-0,5%), mentre i prezzi dei prodotti acquistati hanno segnato una flessione più marcata (-3,3%), evidenziando così un recupero dei margini rispetto al 2014. Il valore aggiunto del comparto agroalimentare, che oltre al settore agricolo comprende quello dell’industria alimentare, nel 2015 + cresciuto del 4,2% in valori correnti e del 2,3% in volume.
Buona parte del merito è da addebitare alle agevolazioni previste nel giugno 2015 per ottenere un finanziamento per aziende agricole che hanno consentito all’imprenditore di avviare la propria attività e di investire in attrezzature, macchinari, impianti, materiali di consumo, formazione, acquisto di beni immateriali. Si tratta di un supporto molto importante per intraprendere un nuovo progetto, ma tali agevolazioni non comprendono attrezzature e macchinari usati; spese per l’iva; spese affrontate dopo la presentazione della domanda di agevolazioni.
Sono state agevolazioni molto importanti per coloro che hanno valutato di investire nell’acquisto o ampliamento dei terreni anche grazie all’assistenza dell’Ismea.
L’Ismea è l’Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare si sostituisce completamente al soggetto richiedente per il pagamento. Prima viene eseguita una verifica della pratica a cui poi seguirà un sopralluogo tecnico sul campo. Ad occuparsene non solo il personale dell’Ismea, ma alcuni tecnici della Regione. Se il terreno agricolo viene considerato idoneo, si passa all’acquisto. Il soggetto che ottiene un supporto dall’Ismea in questa compravendita riuscirà ad acquisire la proprietà solo al termine del pagamento dell’ultima rata.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]