Niente sesso se il marito puzza e non si lava. Lo dice la Cassazione

06 luglio 2016 ore 11:21, intelligo
Diciamocelo, chi prova piacere nel sentire cattivi odori quando sta con il proprio partner spesso ha una manìa latente, di quelle che rientrano nelle patologie. Infatti per una donna, la bocca sporca che sa di fumo magari, la mancanza di igiene, o la trascuratezza dei capelli lasciati ingrassare senza lavaggi, porta spesso l'affievolimento della passione. 
E c'è chi questo problema della camera da letto lo ha portato davanti ai giudici. Ci sono donne che si sono rivolte alla Cassazione per legittimare l'astinenza sessuale. Ebbene, due sono i casi che i giudici  hanno ritenuti legittimi, il marito con problemi di pulizia non può pretendere nulla a letto. A parlarne lo Studio Cataldi che cita due pronunce degli Ermellini: la numero 30364/2011 e la 980/2014.
 "Insistere quando la propria compagna non sopporta i cattivi odori e rifiuta di avere un rapporto se prima non ci si lava a dovere - scrive lo Studio Cataldi, citando quanto sostenuto dalla Cassazione -, vuol dire negare la libertà sessuale dell'altro". E' così che "una condotta
Niente sesso se il marito puzza e non si lava. Lo dice la Cassazione
che può integrare la fattispecie delittuosa sanzionata dall'articolo 609-bis del codice penale".

E quando arriva la condanna, almeno un esame di coscienza andrebbe fatto. "In una delle due pronunce, la Corte - scrive lo Studio Cataldi - ha anche chiarito che la circostanza che la moglie avesse manifestato di essere d'accordo a fare sesso con il proprio partner se solo quest'ultimo si fosse lavato, non può far venir meno la violenza del rapporto sessuale".
Ma attente mogli, se poi si lavano non potete trovare altre scuse.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]