Raggi, Sibilia: "Virginia è libera, non ci sono correnti. E non siamo partito anti-cattolico"

06 luglio 2016 ore 20:50, Americo Mascarucci
"Nel Movimento 5Stelle non ci sono correnti e Virginia Raggi è un sindaco libero. Non siamo un partito anti-cattolico".
Carlo Sibilia, parlamentare e membro del direttorio 5Stelle parla ad Intelligonews della situazione politica di Roma e rassicura i cattolici circa i rischi di derive laiciste delle nuove giunte pentastellate.

Onorevole Sibilia, è pronta la giunta a Roma?

"E’ tutto pronto e nonostante quanto si è detto e scritto in questi giorni credo che tutto si sia svolto nel migliore dei modi e anche in modo rapido. Poi se si vogliono fare polemiche ad ogni costo, questo è un altro discorso"
 
Però non potrà nascondere che in queste settimane dentro il Movimento si sono confrontati diversi gruppi. Insomma, le correnti ci sono anche da voi? Di Maio e Di Battista contro Lombardi per esempio? 

"Anche questa è la solita tiritera. E' ovvio che all'interno del Movimento si discuta e ci si confronti, e che magari si possa non essere sempre d'accordo con tutti e su tutto. Ma non esistono correnti. Capisco che non avendo altri argomenti per attaccarci parlare delle liti interne e delle correnti diventi quasi obbligatorio. Noi siamo stati eletti per portare avanti un programma di governo. Lavoriamo per questo. Il resto sono chiacchiere che lasciamo volentieri ad altri" 

Però la telefonata di Beppe Grillo alla Raggi con tanto di critiche su certe scelte c'è stata, non potrà negarlo questo? 

"Mi auguro che Beppe sia presente al nostro fianco e ci possa supportare sempre,  ma posso assicurare che non ci sono stati da parte sua diktat o interventi rivolti a condizionare le scelte politiche di Virginia che sa perfettamente come muoversi e quali persone valide e competenti chiamare in squadra con lei"

Il "caso Marra"? La scelta di nominare l'ex collaboratore di Gianni Alemanno capo di gabinetto del sindaco è stata criticata molto in casa 5Stelle.

"Le nomine ci saranno e saranno presentate ufficialmente, parlo della giunta e dei collaboratori del sindaco. E' su quelle che tutti noi saremo chiamati ad esprimere un giudizio. Per il resto nessuna nomina è stata finora ufficializzata. Poi certo, tutto torna utile per attaccare il Movimento e dire che alla fine siamo come tutti gli altri. Ma non ci preoccupiamo delle critiche. Gli elettori ci giudicheranno sui risultati e Virginia sono certo saprà svolgere un ottimo lavoro".

Passando a Torino, Chiara Appendino ha nominato assessore alla Famiglia l'ex presidente Arcigay il quale ha annunciato che l'assessorato sarà declinato al plurale. I cattolici devono preoccuparsi o stare sereni?

"Direi che non devono preoccuparsi di nulla. Anzi, l'istituzione di un assessorato alle Famiglie dovrebbe dimostrare la volontà di tutelare tutti, senza discriminazioni verso nessuno, cattolici compresi"

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]