Uncharted 4: un nuovo tesoro “resuscita” il ladro Nathan Drake (che passa per Amalfi)

06 maggio 2016 ore 10:18, intelligo
di Luciana Palmacci 


Forse non sarà il più bel gioco di sempre per PS4, ma entra di diritto sul podio ed è destinato a rimanerci a lungo. Dopo gli eventi di Uncharted 3, torna il protagonista Nathan Drake in Uncharted 4: Fine di un ladro, in uscita il 10 maggio in esclusiva per PlayStation 4. Quattro episodi fa quando uscì rischiava di fare la stessa fine di Indiana Jones, un po’ perché l’uscita di Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo ha incrinato alle fondamenta il mito stesso del personaggio creato da George Lucas, un po’ perché le avventure del cercatore di tesori della Naughty Dog ricordano da lontano quelle dell’archeologo interpretato da Harrison Ford. 
Nell’ultimo episodio la “Fine di un ladro” il protagonista si è lasciato alle spalle la vita da cacciatore di tesori e ha deciso di sposare Elena, la giornalista conosciuta nel primo episodio, per condurre una vita meno pericolosa, ma anche meno eccitante. Ma non passa molto tempo da che l’avventura torna a bussare alla sua porta, quando Sam, il fratello di Drake creduto morto, ricompare supplicandolo di aiutarlo a trovare il tesoro di un pirata del 1600 dal quale dipende la sua vita. Drake parte così per una nuova avventura, questa volta più personale, un viaggio intorno al mondo che lo porterà anche in Italia sulla costiera amalfitana
Uncharted 4: un nuovo tesoro “resuscita” il ladro Nathan Drake (che passa per Amalfi)

La nuova avventura di Nathan Drake è stata scritta con l'obiettivo di dare una degna conclusione a una saga epocale che ha appassionato milioni di giocatori su due diverse piattaforme. Il protagonista di questa splendida epopea è entrato nel cuore di tutti coloro che hanno vissuto splendide avventure tra salti, scalate, sparatorie e scazzottate, incontrando personaggi solidi e sempre convincenti. In tanti anni gli sviluppatori californiani sono cresciuti, sapendo trovare l'equilibrio perfetto tra gameplay, narrazione e realizzazione tecnica. Impossibile non rimanere a bocca aperta per la qualità delle immagini, la fluidità dei movimenti e la profondità dei dettagli: durante le 15 ore e passa di durata complessiva, si contano tutte le 350 espressioni facciali modellate dagli sviluppatori sui corpi degli attori Nolan North e Troy Baker, che hanno dato vita rispettivamente a Nathan e Sam Drake: «Recitare in un videogioco è la chance migliore per entrare nella parte e lavorare di immaginazione come un bambino. Non avevamo di fronte nient’altro che un telo verde. Abbiamo potuto spingere al massimo la nostra creatività ed è stata un’opportunità pazzesca» ha dichiarato Baker. 

Uncharted 4, capolavoro acclamato da tutti, rappresenta forse è il primo esempio di gioco che farà da ponte tra l'attuale e la futura generazione di videogames. La conclusione perfetta per una serie che ha saputo reinventarsi capitolo dopo capitolo mostrando tecniche narrative che hanno avvicinato il mondo dei videogiochi a quello di Hollywood. Per ingannare l’attesa fino al prossimo 10 maggio si potrà scaricare gratuitamente la nuova app di Sony dedicata a Nathan Drake. Se tutto ciò non bastasse si potrà collegare anche l’applicazione all'account PlayStation Network per poter così sbloccare, proseguendo nel gioco, delle ricompense da utilizzare direttamente nel quarto capitolo della saga.


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]