Putin regala un concerto a Palmira: musica classica e bellezza dopo l'Isis-VIDEO

06 maggio 2016 ore 11:16, Lucia Bigozzi
Solo qualche mese fa le immagini erano quelle dei miliziani dell’Isis che a Palmira tagliavano la testa al custode del luogo dove la storia del mondo è nata a da dove continua a parlarci. Pietre millenarie tirate giù dalle ruspe dei tagliagole, fermati a suon di bombe russe in supporto all’esercito di Assad, prima di radere completamente al suolo la cittadella archeologica patrimonio dell’umanità. Oggi, a distanza di un mese dal blitz che cacciò i tagliagole, Palmira è rinata grazie alla Russia di Putin che ha organizzato un concerto nell'antico anfiteatro romano della città della Siria dove sono risuonate le note dell'orchestra Sinfonica del teatro Mariinsky di San Pietroburgo diretta dal maestro russo Valery Gergiev. In uno scenario meraviglioso sono stati eseguiti brani di Johann Sebastian Bach, Sergei Prokofiev e Rodion Shchedrin davanti a un pubblico composto da soldati russi, ministri e giornalisti. La tv di Stato di Mosca ha trasmesso il concerto alternando le immagini con quelle delle operazioni militari dell'esercito russo a sostegno del regime proprio a Palmira.

Putin regala un concerto a Palmira: musica classica e bellezza dopo l'Isis-VIDEO
Anche nel titolo del concerto c’è il senso della rinascita, del male che viene sconfitto: “Preghiera per Palmira. La musica dà vita alle antiche mura”
. In apertura del concerto, il presidente Putin ha voluto sottolineare l’importanza del momento in un videomessaggio nel quale ha parlato di “segnale di speranza per la rinascita di Palmira non solo come patrimonio dell'umanità ma anche come liberazione di tutta la civiltà da questo terribile flagello, il terrorismo internazionale”.

Ecco il video: 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]