Farmaci anti-diarrea pur di sballarsi: tenere fuori dalla portata dei bambini-adolescenti. Danni al cuore

06 maggio 2016 ore 12:48, intelligo
Collasso, arresto respiratorio e cardiaco. Sembrava che dopo la purple drank, il beverone che si ottiene mischiando la gazzosa con uno sciroppo per la tosse a base di codeina, avessimo visto il top delle follie.  Invece questi ragazzi devono essere "stressati" e l'effetto rilassante lo cercano pure con un anti-diarrea.
Sempre grazie agli Stati Uniti d'America, questo modello di democrazia e di cultura occidentale, c'è una nuova droga che sboccia tra gli adolescenti, sempre più vittima di una realtà raccontata dagli amici e da mass-media "truccati". 
Farmaci anti-diarrea pur di sballarsi: tenere fuori dalla portata dei bambini-adolescenti. Danni al cuore
Cosa fanno i farmaci anti-diarrea? Aiutano a sballarsi, tanto è l'assenza di pensiero che cercano, a questo punto va bene anche il paracetamolo per intossicarsi a dovere. 
E crearsi un'assurda dipendenza con tanto di astinenza da droghe farmacologiche. Gli studiosi dell’Upstate New York Poison Centre, che su Annals of Emergency Medicine descrivono due casi di overdose, parlano di diversi decessi. L’ingrediente attivo di questi farmaci è il loperamide. Nella situazione di diarrea agisce come freno alle scariche intestinali, ma usato al di fuori della sua corretta funzione, produce euforia. Inutile parlare dei problemi o danni al cuore che può produrre, tanto ormai ragionano solo gli scienziati, il resto del mondo è anti-proibizionista (sulla pelle dei figli degli altri). 

Ma così è: sotto rianimazione cardio-polmonare serve poi il naloxone per recuperare forze, e indiversi casi anche la rianimazione cardiovascolare. Tenere fuori dalla portata dei bambini? No, dei cretini. Perché ormai il basso costo e la mancanza di vera informazione, oltre che un substrato sociale ignorante e demenziale attira gli adolscenti, senza più obiettivi, valori, volontà di potenza (infatti, viene da dire, anche l'impotenza è un danno procurato!).
William Eggleston, autore dello studio, parla di un aumento delle persone che ne parlano nei forum di almeno 10 volte. L'abuso di loperamide, tra il 2010 e il 2011, e l’Upstate New York Poison Centre è aumentato sette volte tanto tra il 2011 fino al 2015. E l'incremento di un’esposizione intenzionale al loperamide dal 2011 fino al 2014 è salito al 71%. 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]