Con “Zanzamapp” addio zanzare fastidiose: arriva l’App “pesticida” che le rileva

06 maggio 2016 ore 16:45, intelligo

La tecnologia migliora la vita ma risponde anche alle esigenze del mercato. Chi non ha lamentato almeno una volta nella vita la presenza di zanzare fastidiose e negli ultimi tempi anche pericolose per la nostra salute? Per loro è arrivata “Zanzamapp”, la prima App multipiattaforma Android, iOS, Windows Phone (ma anche normale browser su computer, tramite il sito), che consente di raccogliere le segnalazioni degli utenti, da incrociare poi con i dati “tradizionalmente” rilevati dagli studiosi del settore grazie a trappole entomologiche. L’idea è stata di un ricercatore della Sapienza di Roma Cesare Bianchi, abile a saper usufruire di competenze complementari del laboratorio Social Dynamics del dipartimento di Fisica e del gruppo di Medical Entomology del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive della Sapienza per la parte scientifica, e della start-up GH s.r.l. per la parte informatica e di geolocalizzazione.

Con “Zanzamapp” addio zanzare fastidiose: arriva l’App “pesticida” che le rileva
Un servizio utile per l’utente ma anche per le amministrazioni dei territori, che ora possono usufruire di una heatmap delle zone più infestate, in modo da ottimizzare gli interventi e prevenire problematiche legate al turismo o alla trasmissione di agenti patogeni. A loro disposizione anche un alert via mail, nel caso in cui le segnalazioni nella loro zona superino la soglia di attenzione.

Niente di troppo complesso nell’uso, l’app “ZanzaMapp” è facile, intuitiva e consente di segnalare facilmente il numero di zanzare rilevate, il punto geografico della rilevazione, l’orario della rilevazione ed eventualmente di inviare una fotografia per l’identificazione certa della specie.  Schede sulle specie e segnalazioni di assenza di zanzare nei territori completano la vastità di quadro già esaustivo nelle premesse.

La zanzara nell’immaginario comune e non solo è associata a fastidio ma anche ad area malsana, umida, attraverso la quale si sviluppano malattie pericolose per la salute. In Europa non sussiste un simile emergenza, tuttavia la lotta alle zanzare ha rappresentato uno dei principali obiettivi della bonifica idraulica delle aree umide e rappresenta tuttora uno dei più importanti settori dell'Entomologia applicata. I virus “esotici” non dimentichiamo che si trasmettano anche attraverso la puntura di un insetto, che entra in contatto con sangue infetto e lo diffonde.  Uno degli obiettivi del progetto è proprio quello di realizzare una “citizen science” grazie alla quale pur non impensierendo si può far comprendere la pericolosità di un insetto, la cui puntura è apparentemente innocua. Per i più volenterosi infine la possibilità di collocare piccole trappole scientificamente costruite, rilevando i dati raccolti via App. 

 

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]