Della Valle, firmati atti Tod's ad Arquata del Tronto: "Motivo in più per restare"

06 novembre 2016 ore 14:36, Andrea De Angelis
Diego Della Valle aprirà una fabbrica ad Arquata del Tronto e assumerà lavoratori. Ad annunciarlo tre settimane fa su Raiuno fu il presidente del Consiglio Matteo Renzi, aggiungendo che come il patron di Tod's sia stato il primo imprenditore a rispondere all'appello del governo per investimenti imprenditoriali in aree colpite dal sisma del 24 agosto.
"Per ricostruire useremo soldi pubblici ma anche privati e Della Valle è stato il primo a rispondere all'appello", disse allora il premier. Poi, come tutti sappiamo, il terremoto tornerà in quelle terre, colpendole in particolare nella drammatica giornata del 30 ottobre.

Della Valle, firmati atti Tod's ad Arquata del Tronto: 'Motivo in più per restare'

Ieri ad Arquata del Tronto la firma degli atti attraverso i quali la famiglia Della Valle acquisisce l'area per impiantare un'azienda. "Un'attività che darà occupazione a decine di persone- ha affermato, come riporta l'Adnkronos, il presidente Luca Ceriscioli – ed è il primo segno forte di ripartenza e di rinascita nella dimensione estremamente importante nella ricostruzione che è il lavoro. La possibilità cioè di ridare alle persone una ragione per restare qui oltre all’attaccamento già molto forte verso il territorio".
"Avere opportunità di lavoro significa avere le condizioni minime per tenere ancorata questa comunità, i giovani troveranno un motivo in più per restare e le famiglie per andare avanti con più serenità - ha aggiunto -. Mentre gli assi principali dell’economia locale, turismo e agricoltura ci metteranno più tempo per recuperare, avere questa speranza ci dà forza e stimolo per fare in fretta". "Noi ci auguriamo e crediamo che questo esempio possa trainare altri imprenditori che vorranno fare la scelta di stare vicino al territorio", ha concluso.

Della Valle continua dunque ad essere protagonista sul territorio nazionale. Quattro mesi sono infatti passati dalla festa fatta in occasione del termine della prima fase dei lavori da 25 milioni di euro per il Colosseo. La prima fase dei lavori è giunta a compimento e ha riguardato il prospetto settentrionale e quello meridionale, pari a circa 13.300 mq di superficie e la sostituzione dell’attuale sistema di chiusura dei fornici con la realizzazione di nuove cancellate. Il piano degli interventi continuerà con il restauro degli ambulacri, dei sotterranei del Colosseo, la messa a norma e l’implementazione degli impianti e la realizzazione di un centro servizi che consenta di portare all’esterno le attività di supporto alla visita che sono attualmente all’interno del monumento”. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]