Presidenziali Brasile, sarà ballottaggio. Rousseff perde il 10%: pagato il Mondiale?

06 ottobre 2014 ore 9:38, intelligo
Dilma Rousseff 41,5%, Aecio Neves 33,6%, Marina Silva 21,3%: sono questi i risultati ufficiali delle elezioni presidenziali brasiliane.    
Presidenziali Brasile, sarà ballottaggio. Rousseff perde il 10%: pagato il Mondiale?
  La Rousseff dunque rischia grosso e molti analisti sono convinti che l'attuale Presidente del Brasile stia pagando l'organizzazione del Mondiale di calcio estivo quando, nonostante non vi siano stati i temuti scontri, il Paese è stato in buona parte dalla parte dei manifestanti che chiedono più welfare e meno sprechi. Il tutto, ricordiamolo, a un anno e mezzo dalle Olimpiadi 2016.   È comunque la quarta volta consecutiva che i candidati del Partito del lavoratori (Pt) della Rousseff e il Partito socialdemocratico brasiliano (Psdb) di Neves si sfidano al ballottaggio. L'ecologista evangelica Marina Silva, che fino a pochi giorni fa i sondaggi indicavano come sicura sfidante di Dilma al secondo turno, è invece arrivata terza, proprio come quattro anni fa, pur ottenendo due milioni di voti in più. I due candidati sono chiamati, dunque, a trattare con lei. La Silva, che ha finora respinto il corteggiamento di Neves in campagna elettorale, potrebbe anche decidere di non dare indicazioni al proprio elettorato, come fece quattro anni fa. Per Rousseff sono oltre quattro i milioni di voti in meno rispetto al 2010, un calo superiore al 10%. Allora si presentava come la prescelta dell'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva, ieri come oggi popolarissimo in Brasile.  
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]