Follia a Nettuno: cubano accoltella 2 religiose in una casa famiglia

06 ottobre 2016 ore 10:09, Luca Lippi
Un uomo di 30 anni di origini cubane, incensurato, si è introdotto in una casa famiglia a Nettuno per raggiungere l'ex e il figlio minore, ospiti della struttura.
Approfittando dell'attimo in cui il cancello si è aperto per permettere l'ingresso ad una delle suore che dimorano nella struttura, si è introdotto all'interno.
Entrato nella struttura, l’uomo ha aggredito le suore e ferito anche gli agenti che lo hanno bloccato. Il 30enne cubano è stato arrestato per sequestro di persona e lesioni aggravate.
Il tutto è accaduto nel pomeriggio di martedì, nella struttura gestita da religiose della provincia di Roma, non appena le suore si sono accorte dell’intruso, soprattutto notato che era armato di un coltello e di un machete hanno in tutti i modi cercato di ostacolarlo, chiamando anche la polizia. Sul posto è arrivata subito una pattuglia del Commissariato di Anzio - Nettuno. Alla vista degli agenti, il 30enne, per fuggire, ha immobilizzato una suora minacciandola con un coltello alla gola, poi si è scagliato contro gli agenti che cercavano di bloccarlo.

Follia a Nettuno: cubano accoltella 2 religiose in una casa famiglia

Il fatto si è consumato martedì pomeriggio, l’uomo era stato denunciato dalla compagna, una donna italiana con due figlie, per aver compiuto atti sessuali espliciti davanti alle due minorenni. 
Il tribunale allora aveva stabilito l'allentamento della donna e delle due figlie dal nucleo familiare, ma non aveva preso provvedimenti nei confronti dell'uomo che ieri, dopo aver scoperto dove si trovava la donna, si è presentato alle porte della struttura con un machete e un coltello. 
L'uomo ha chiesto di parlare con la ex compagna, ma le suore glielo hanno negato, quindi prima le ha minacciate e poi le ha sequestrate e aggredite, ferendone due con il coltello, mentre una terza è in stato di shock. 
Le urla sono state sentite dai residenti della zona che hanno immediatamente chiamato il 112. Sul posto è intervenuta una volante del commissariato di polizia di Anzio. 
Due agenti, si sono trovati davanti all'uomo che minacciava con la lama una delle suore che gli aveva negato la possibilità di vedere la ex. I due poliziotti sono immediatamente intervenuti e nella colluttazione che si è venuta a creare il cubano è riuscito ad afferrare la pistola di uno dei due agenti, prima ha sostenuto di volersi sparare, ma alla fine ha esploso un colpo ferendo uno dei due poliziotti per poi aggredire l'altro con una coltellata. 
Fortunatamente alla fine è stato sopraffatto e portato in commissariato.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]