Liste stranieri May, Cacciari: "Conseguenze immense post Brexit. Porre rimedio al più presto"

06 ottobre 2016 ore 12:18, intelligo
di Luciana Palmacci

"Bisogna finirla con una politica che ha allontanato i popoli dall'idea europea" così il filosofo e politico Massimo Cacciari a IntelligoNews sul dopo Brexit e il caso scoppiato in Gran Bretagna sull'intenzione del governo di favorire l'assunzione dei lavoratori inglesi piuttosto che stranieri e le conseguenze in Europa: le famose liste dei lavoratori stranieri. 

Dalla Brexit alle liste dei lavoratori stranieri, in Gran Bretagna cosa è cambiato?
"Non vivo lì quindi non so bene, ma sicuramente qualcosa cambierà. Non essendoci più un mercato unico con la Gran Bretagna questo inciderà anche sulle persone che vivono lì e che vogliono lavorare lì, è chiaro. Per vedere cosa concretamente è cambiato nei rapporti tra le persone bisognerebbe stare lì".

Da una Brexit soft a una hard, che significa per tutta l'Europa e quali le conseguenze?
"Le conseguenze sono immense, anche psicologicamente significa un pezzo fondamentale della costruzione unitaria europea che crolla, che viene meno come tanti altri che sono già avvenuti e stanno avvenendo. E' chiaro che viviamo in un'epoca di disfacimento della costruzione unitaria europea, speriamo di poterci porre rimedio al più presto".

La May ha detto "prima gli inglesi", situazioni simili stanno succedendo anche in Svizzera, Francia. A questo punto non sarebbe il caso di rivedere delle politiche europee?
"Certo, se l'Europa vuole sopravvivere deve ridare un'idea, uno slancio alla politica unitaria, far comprendere ai suoi popoli la necessità di questa costruzione, cambiare linea, cambiare strategia, finirla con una politica economica fiscale e sociale che ha allontanato i popoli dall'idea europea. Sarebbe necessario tutto questo".
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]