Il Galaxy Note 7 sostituito prende fuoco (di nuovo) e annerisce moquette aereo

06 ottobre 2016 ore 13:54, intelligo
di Luciana Palmacci

Ennesimo problema per il Galaxy Note 7 che stavolta ha fatto evacuare il volo 994 della Southwest Airlanes da Louisville a Baltimora. Il device, tra l'altro sostituito il 21 settembre nell'ambito della campagna di richiamo organizzata dalla società per i modelli con batteria a rischio di esplosione, ha iniziato a bruciare in aereo. L’incidente si è verificato nella mattina di mercoledì 5 ottobre poco prima che l’aeroplano lasciasse il gate e decollasse verso Baltimora. Tutti i passeggeri e l’equipaggio sono usciti dalla porta principale dell’aereo, senza la necessità di utilizzare le altre uscite di emergenza, e nessuno si è fatto male. Samsung ora attende di fare qualche verifica sul telefono difettoso, ma la vicenda è un’ulteriore pessima notizia per l’azienda, che da più di un mese deve fare i conti con i malfunzionamenti ai suoi smartphone Galaxy Note 7, con decine di segnalazioni di incendi causati dal surriscaldamento della loro batteria.
Tramite il sito di tecnologia The Verge il proprietario del telefono ha spiegato che in estate aveva acquistato un Galaxy Note 7 e che in seguito aveva ricevuto un messaggio di Samsung, con l’invito a riportarlo al più presto in un negozio per sostituirlo con un modello sicuro e senza problemi alla batteria. Sulla scatola del Galaxy Note 7 nuovo c’era un quadrato nero, uno dei simboli scelti da Samsung per distinguere i nuovi smartphone della campagna di richiamo da quelli difettosi. Tutto sotto controllo se non fosse che prima di salire a bordo dell’aeroplano, l'uomo spento il telefono come richiesto dall'equipaggio lo ha messo in tasca e dopo qualche minuto lo ha sentito scaldarsi, lo ha estratto e ha notato che stava fumando vistosamente. Stando ad altre testimonianze, il Galaxy Note 7 si sarebbe surriscaldato a tal punto da fare annerire la moquette sul pavimento. 

Il Galaxy Note 7 sostituito prende fuoco (di nuovo) e annerisce moquette aereo

Sono stati fatti ulteriori controlli per cercare di capire le cause dell'accaduto e inserendo il codice di riconoscimento IMEI, che è univoco per ogni cellulare, sul sito della campagna di richiamo di Samsung è stato possibile verificare che il Galaxy Note 7 era nuovo e secondo il produttore “non nella lista dei dispositivi interessati” dal malfunzionamento della batteria. Samsung non ha però ancora confermato questa circostanza, diffondendo un comunicato stampa piuttosto vago: "Fino a quando non avremo recuperato il dispositivo, non potremo confermare che l’incidente abbia coinvolto un nuovo Note 7. Stiamo lavorando con le autorità e con Southwest per recuperarlo e confermare la causa. Quando avremo esaminato il dispositivo, avremo più informazioni da dare".
Alla luce di ciò Samsung potrebbe essere costretto ad effettuare un secondo richiamo che avrebbe ulteriori conseguenze negative per i profitti e la reputazione.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]