Us Open, 22enne Pouille elimina Nadal: trovato l'erede?

06 settembre 2016 ore 11:59, intelligo
di Luciana Palmacci

Pouille ha giocato una grande partita. Io ho lottato sino alla fine, avrei potuto fare meglio alcune cose. Ma avevo bisogno di qualcosa d’altro, che oggi non c’era”. Queste le parole di Rafael Nadal a fine match, sconfitto dal 22enne francese Lucas Pouille. Il giovanissimo, n.25 nella classifica mondiale, ha eliminato il campione Nadal dagli Us Open: che stia per nascere una nuova stella del tennis? E un’altra stia per tramontare? Nato da papà francese e mamma finnica, ha iniziato a giocare a 8 anni perché un amico di famiglia aveva aperto un club e cercava ragazzini per aumentare il numero degli iscritti. Quando si dice il destino. 
Prima volta nei quarti agli Us Open, ha conquistato la vittoria più importante della carriera, ma che promette di non essere l’unica. Biondo occhi azzurri, Pouille ha un carattere posato, dentro e fuori dal campo, ma allo stesso tempo ostinato: "Ho capito che potevo fare sul serio, allora ho provato a dare il 110% per diventare un giocatore". Ha voglia di crescere e di migliorarsi, non è il tipo che si arrende facilmente. 

Us Open, 22enne Pouille elimina Nadal: trovato l'erede?

Lo ha dimostrato vincendo il suo terzo match al quinto set di questo Us Open (6-1 2-6 6-4 4-6 7-6 in 4 ore e 6 minuti). Pouille era partito benissimo, poi Nadal è riuscito a rimontare e dopo una lotta asprissima sul 4-3, 30-0 nel quinto set sembrava pronto a chiudere la pratica. Invece lì Rafa si è inceppato, mostrando qualche incertezza di troppo negli appoggi, nei passanti, nella capacità di vincere i punti che contano. Nel tie-break ha rimontato da 1-4, salvando anche tre matchpoint, sul 6 pari ha avuto la chance di andare a servire lui con il matchpoint a favore ma ha sbagliato un dritto incredibile a campo aperto, e poco dopo si è dovuto arrendere 8-6. Pouille al secondo turno si era salvato da due set a 0 di svantaggio contro lo svizzero Chiudinelli, al terzo aveva vinto in rimonta sull’altro spagnolo Bauitista Agut. A maggio la sua semifinale a Roma era stata un po’ fortunata, due ritiri, poi sono arrivati i quarti a Wimbledon e ora anche sul cemento di Flushing dove inconterà Monfils (vincitore 6-3 6-2 6-3 su Baghdatis) in un derby francese che fa gongolare Yannick Noah, capitano di Coppa Davis che ieri si è sgolato in tribuna e che nei quarti può contare anche su Jo-Wilfried Tsonga (6-3 6-3 6-7 6-2 a Jack Sock). 
Per Rafa è la seconda sconfitta di fila negli ottavi a New York dopo quella bruciante subita da Fognini nel 2015, per Pouille, papà francese e mamma finlandese, forse la consacrazione.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]