Lombardia apre alla marijuana terapeutica, ma per Salvini il no è assoluto

07 agosto 2015, Micaela Del Monte
Lombardia apre alla marijuana terapeutica, ma per Salvini il no è assoluto
Potrebbe arrivare presto la cannabis terapeutica per i malati lombardi. 

Un primo sì è infatti arrivato dal Consiglio Regionale durante la discussione della riforma sanitaria, approvando un ordine del giorno proposto dal Movimento 5 Stelle. 

Approvazione che Matteo Salvini non ha preso benissimo: "Io sono contrario a qualsiasi apertura a qualsiasi tipo di droga, visto anche quello che è successo in discoteca in Romagna. Se i medici dicono che serve per curare... Per carità di Dio, ma come svago assolutamente no". ha commentato il leader della Lega. 

L’invito alla giunta Maroni è quello sia di riconoscere l’erogazione di farmaci cannabinoidi per finalità terapeutiche sia che la spesa per questi farmaci sia a carico del servizio sanitario regionale. In più si chiede di avviare nell’immediato una sperimentaizone in Lombardia presso i centri che trattano i pazienti affetti da SLA e sclerosi multipla. 

Approvazione che arriva anche dallo stesso governatore leghista, Roberto Maroni. Della stessa idea di Salvini è invece tutto il centrodestra: Ncd, Forza Italia, fratelli d’Italia e Fuxia people.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]