La musica dice addio a Merle Haggard, dal carcere a star del country (VIDEO)

07 aprile 2016 ore 9:35, Adriano Scianca
Il mondo della musica dice addio a Merle Haggard, vera leggenda della musica country. L'artista è morto all'età di 79 anni in California. Dopo un'adolescenza difficile che lo ha portato più volte in carcere, Haggard dal 1960 si è dedicato alla musica, arrivando la successo con due brani del 1969: Okie from Muskogee e Workin' Man Blues.
La decisione di dedicare la sua vita alla musica arrivò negli anni '60 nel penitenziario di San Quintino dove stava scontando una pena per rapina. Haggard infatti rimase folgorato davanti all'esibizione del cantante Johnny Cash. La notizia è stata confermata dal manager ad "Associated Press". Nel 2008 l'artista aveva subito un intervento ai polmoni a causa di un tumore e nel corso degli ultimi anni era stato ricoverato più volte per seguire terapie e cure specifiche, a causa dei frequenti episodi di polmonite che lo colpivano e che lo hanno costretto a cancellare molti live nel 2015 e 2016.





La musica dice addio a Merle Haggard, dal carcere a star del country (VIDEO)
Durante il corso degli anni Settanta ha sfornato hit come “If We Make It Through December” e “The Roots of My Raising”; ma anche i primi anni ottanta gli portarono un successo notevole con brani come “Going Where the Lonely Go”, “You Take Me For Granted”, “That’s the Way Love Goes”, “Someday When Things Are Good” e “Let’s Chase Each Other Around the Room” - oltre ai duetti con George Jones (“Yesterday’s Wine”, 1982) e Willie Nelson (“Pancho and Lefty”, 1983). Anche quando il grande pubblico lo abbandonò, negli anni novanta, Haggard non smise di suonare e continuò a fare concerti, esibendosi anche davanti a poche persone. Quando si dice l'amore per la musica.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]