"C'è solo un Indiana Jones ed è Harrison Ford": il quinto capitolo è top secret

07 dicembre 2015 ore 8:29, Andrea De Angelis
'C'è solo un Indiana Jones ed è Harrison Ford': il quinto capitolo è top secret
Ci sono film che non tramontano mai.
Al punto che la sola notizia di un loro ritorno emoziona milioni di appassionati in ogni angolo del globo. Veri e propri miti, come quello di Indiana Jones che vedrà di nuovo impegnato Harrison Ford in un quinto capitolo della saga cinematografica.
"Siamo nella fase di sviluppo delle idee ma c’è una persona sotto contratto che in questo momento, se non sta lavorando al copione, dovrebbe farlo", ha detto Ford con la sua tipica ironia. Si tratta di David Koepp che ha firmato la sceneggiatura del quarto capitolo uscito nel 2008 e che ebbe un enorme successo incassando circa 800 milioni di dollari. 

Di recente Steven Spielberg, regista di tutti e quattro i film della serie, ha detto di considerare Ford come l’unico interprete possibile del personaggio, escludendo così di poter reclutare un attore più giovane per un nuovo episodio. "Da sempre è mia intenzione che non accada quel che è successo con James Bond o Spider Man. C’è un solo Indiana Jones ed è Harrison Ford", ha spiegato.
Una saga che accompagna il pubblico da oltre trent'anni e che potrebbe avere in questo episodio la sua conclusione. Un ritorno non certo scontato, vista i 73 anni dell'attore, ma davvero atteso. 
Henry Walton Jones, Jr., meglio noto come Indiana Jones, è un personaggio cinematografico ideato da George Lucas, un archeologo protagonista di una serie di quattro film d'avventura scritti da Lucas e diretti da Steven Spielberg e di una serie televisiva. Ma come nasce l'Indiana più noto al mondo? Nel 1973 un giovane e neolaureato regista, George Lucas, era alla ricerca di nuove idee e progetti da sviluppare per il grande schermo. La prima ispirazione per il personaggio gli venne da un poster di un vecchio film che gli riportò alla mente gli anni trenta e i film d'avventura dell'epoca, suggerendogli così la figura di archeologo dal doppio ruolo, quello di preciso ed impeccabile professore universitario e quello di avventuriero vestito di giacca di pelle e vecchio borsalino in testa, con la barba incolta e una frusta come arma, in giro per il mondo alla ricerca di antichi reperti e civiltà perdute, capace di superare numerose insidie.
Nel 1977 Lucas parlò a Steven Spielberg, futuro regista della serie, dell'idea avuta quattro anni prima e poco a poco sviluppata, arrivando già a gettare le basi di una sceneggiatura incentrata sulla ricerca della mitica Arca dell'Alleanza, lo scrigno che, secondo la Bibbia, conteneva le tavole dei Dieci comandamenti. Dovettero passare, però, altri quattro anni prima che il progetto andasse finalmente in porto; nel frattempo Lucas era impegnato nella realizzazione dei primi due episodi della serie di Guerre stellari (1977, 1980), che riscossero un grande successo.

Al momento della realizzazione del film, Lucas vestì i panni dello sceneggiatore e del produttore, mentre Spielberg lo aiutò con il copione e curò la regia. Per il ruolo del dottor Jones venne scelto inizialmente Tom Selleck, che si dovette tirare indietro all'ultimo momento a causa del contratto di esclusività che aveva con la rete televisiva CBS, per la quale girava la serie TV Magnum P.I.. Quando arrivò il veto della CBS (a preparativi già molto avanzati), venne scelto l'emergente Harrison Ford, che aveva già recitato in un ruolo importante nei film di Guerre stellari, quello di Ian Solo. La decisione venne presa a sole tre settimane dal primo ciak...
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]