Wikipedia si affida a Ores: intelligenza artificiale per aumentare la qualità

07 dicembre 2015 ore 14:35, Adriano Scianca
Wikipedia si affida a Ores: intelligenza artificiale per aumentare la qualità
Le bufale, gli errori, i vandalismi sono da sempre il vulnus di Wikipedia. Motivo per il quale i responsabili dell'“Enciclopedia libera” hanno innalzato il livello dei controlli su tutti i nuovi inserimenti. Cosa che, tuttavia, ha finito per rendere la vita impossibile anche agli editor in buona fede. Gli algoritmi che controllano i nuovi inserimenti sono spesso troppo fiscali, tanto da cassare interventi con piccoli errori in buona fede, mentre magari un inserimento coscientemente vandalico o satirico ma “formalmente” in ordine riesce a superare i rigidi controlli. Insomma, c'è qualcosa da mettere a punto nel funzionamento del sito. Ecco allora che la Wikimedia Foundation ha deciso di puntare sull'intelligenza artificiale, individuando un software - ribattezzato Objective Revision Evaluation Service, meglio noto come Ores - che distingua gli errori in buona fede da quelli a carattere vandalico. Ores nasce per semplificare e agevolare l’attività dei tanti volontari wikipediani, segnalando quali variazioni con maggiore probabilità siano inaffidabili o peggiorative, in buona o mala fede. Spetterà comunque alla mano umana, assistita dall’intelligenza artificiale, decidere il da farsi per preservare qualità e credibilità di Wikipedia. I responsabili dell'enciclopedia spiegano che il nuovo sistema "opera come gli occhiali a raggi-X che venivano pubblicizzati sugli albi a fumetti. Combinando dati liberamente disponibili ed algoritmi open source per l'apprendimento automatico, il nostro obiettivo è quello di rendere il controllo di qualità su Wikipedia più trasparente, valutabile e facile da sperimentare". Insomma: manica larga per chi sbaglia senza farlo apposta, stretta severa su chi entra nel sito per creare scompiglio ad arte. Ores funzionerà inizialmente nelle versioni in inglese, portoghese, turco e farsi di Wikipedia. Per l'Italia, dovremo ancora arrangiarci per un po' con le vecchie regole.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]