Contratti Pay-Tv e Mobile: occhio all'offerta se va oltre i 2 anni

07 dicembre 2015 ore 15:57, intelligo
Contratti Pay-Tv e Mobile: occhio all'offerta se va oltre i 2 anni
Quanto dovranno durare i contratti con le pay tv ma anche con le società che commercializzano l'abbonamento al cellulare? Sarà il parlamento a stabilirlo. La durata dovrebbe essere fissata in 24 mesi, ma si tratta ancora di un'ipotesi. Di “regole” se ne sta occupando il Senato dove è approdato il disegno di legge relativo alla Concorrenza. Tuttavia, il Garante per le Comunicazioni (AgCom) mette nel freezer una regola a lungo al centro di polemiche, riconoscendone la sua complessità sul piano tecnico. 


COSA C'E' NEL DDL. La Camera lo ha già votato ed ora la nuova norma dovrà essere licenziata da Palazzo Madama. Nel ddl si dedica particolare attenzione alle offerte promozionali, spesso considerate lo “specchietto per le allodole” lanciato dalle società telefoniche e non solo nel tentativo di “raggranellare” nuovi clienti e tenerli fidelizzati per il maggior tempo possibile. Il ddl, vuole scongiurare questo meccanismo; per questo sarà stabilito il tetto. La ratio, a tutela dell'utente, è semplice: si vuole evitare che di fronte a un'offerta, per quanto vantaggiosa, il cliente venga “catturato” nella rete della società e non riesca piùà a svincolarsene, se non con perdita di tempo e disagi. Nell'articolo 18 della nuova legge dovrebbe essere fissato che un contratto non potrà durare più di ventiquattro mesi quando propone un'offerta promozionale all'utente-cliente. I tempi di approvazione non sembrano, almeno al momento, velocissimi: una volta licenziato da Palazzo Madama, la norma dovrà tornare alla Camera per la terza lettura e il voto definitivo.  Intanto le associazioni dei consumatori vigilano perchè si sa, lo sgambetto è sempre dietro l'angolo.

LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]