Fattore paura su Giubileo e Natale: 2 milioni di italiani snobbano Roma

07 dicembre 2015 ore 17:58, intelligo
Fattore paura su Giubileo e Natale: 2 milioni di italiani snobbano Roma
Solo un terzo dei pellegrini che da domani saranno nella Capitale per partecipare al Gubileo straordinario della Misericordia arrivano dall'estero. Ma sono due milioni gli italiani che dopo le stragi di Parigi del 13 novembre scorso, rinunciano a raggiungere la Capitale. Effetto paura, dunque che si riverbera anche sul tradizionale shopping di Natale. A segnalare il dato è l'analisi condotta da Coldiretti-Ixé. “L'anno giubilare rappresenta comunque una grande occasione per rilanciare l'economia cittadina, puntando sulle piccole e medie imprese per superare una fase molto difficile” spiega i presidente di Coldiretti Roma David Granieri che prova a stemperare il malumore di molti albergatori che giusto ieri segnalavano il mancato “pienone” nelle strutture alberghiere di Roma, previsto proprio in concomitanza con gli eventi del Giubileo. Anzi, il presidente di Federalberghi Roma, Roscioli, lamenta un venti per cento di disdette. Anche il dato delle presenze straniere, va in controtendenza rispetto alle previsioni e la causa determinante è l'effetto paura di attentati che dopo la strage di Parigim gli attentanti a Tunisi e nella metro di Istanbul, frenano gli spostamenti delle persone (sia pellegrini come in questo caso, ma anche di turisti, abituali e non). Un trend che a questo punto, induce a rivedere le stime precedenti ai fatti di Parigi che parlavano di venticinque milioni di pellegrini italiani e stranieri pronti a raggiungere la Capitale. 

PIANO SICUREZZA. Piazza San Pietro blindata. Il piano sicurezza scatta all'alba del Giubileo. Dalle 6.30 dell'8 dicembre, si potrà accedere attraverso i varchi all'area intorno alla Basilica di San Pietro. E' uno dei dettagli del piano sicurezza diventato operativo dopo la riunione del tavolo tecnico e presentato dal questore di Roma Nicolò D'Angelo. Apposite aree di servizio rappresenteranno le condizioni di massima sicurezza per i pellegrini che saranno sottoposti a controlli da parte degli uomini delle forze dell'ordine che presidiano tutta la zona del Vaticano. Ciascuna di queste aree – come sottolineano dalla Questura – prevede una catena di comando che fa capo alla sala gestione Grandi Eventi della Questura e saranno i luoghi in cui verranno effettuate bonifiche e controlli con metal detector ma anche con unità cinofile anti-esplosivo e artificieri pronti a intervenire.  Vigilanza serrata anche dal cielo: in questo caso, il ministero della Difesa con in particolare il coinvolgimento dell'Aeronautica militare, prevede l’incremento del dispositivo di controllo dello spazio aereo con l'utilizzo di un radar di difesa aerea dell’ Aeronautica e di un radar acquisizione dell’Esercito, pienamente integrati nella difesa aerea nazionale. Non solo: è stata incrementata la sorveglianza e l’intervento aereo con l’impiego di elicotteri HH212 per l’intercettazione di velivoli a bassa velocità, di intercettori EF2000 che andranno a potenziare la normale attività di difesa aerea e di un Predator, un velivolo a pilotaggio remoto per la sorveglianza delle aree sensibili della Capitale. Insomma, tutto è pronto. Domani sarà Giubileo dell Misericordia nel giorno dell'Immacolata Concezione.

LuBi


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]