Modello Bronte e Licata anche a Petralia: l'appello a Lorenzin per il punto nascite

07 gennaio 2016 ore 10:30, Marta Moriconi
Mentre si discute di unioni civili, la sanità deve affrontare problemi concreti: le nascite e la chiusura del punto ad esse indirizzato dell’ospedale di Petralia Sottana in provincia di Palermo.

E' stata prima il ministro Lorenzin ad accusare la Regione parlando della chiusura forzata, parlando della responsabilità della mancata concessione della deroga da imputare al deficit strutturale e organico in cui l Sicilia avrebbe lasciato la struttura.
Ma apriti cielo: non ci stanno il segretario provinciale del PD di Palermo, Carmelo Miceli ed il responsabile “Aree Interne”, Giandomenico Lo Pizzo, che hanno replicato con una contro-nota dove parlano di un complesso che dal punto di vista dei trasporti è nevralgico: come costringere le proprie donne incinte ad affrontare curve e canaloni verso chissà
Modello Bronte e Licata anche a Petralia: l'appello a Lorenzin per il punto nascite
quale altro ricovero? Ed ecco l'accusa tutta interna al governo da parte dei "suoi", gli esponenti Pd sul territorio: “Stando alla lettera trasmessa ieri dal ministro Lorenzin ai sindaci delle Madonie, Una dichiarazione lapidaria alla quale, sempre nella giornata di ieri, l’assessorato Regionale alla Salute ha replicato ufficialmente affermando di essere ‘pronti a mettere in sicurezza’ la struttura di Petralia”. Dunque, trovi una soluzione il ministro tanto più che se si tratta di deficit strutturale, starebbe alle istituzioni intervenire. Basterebbe una deroga però, per dare il tempo di e i margini per sistemare quanto non va nella struttura, basta dare il tempo di “adeguarsi alle norme” scrivono i dem. 

Alla fine si tratta di copiare... sì avete capito bene, se si guarda al modello Bronte e Licata, due centri che si trovano in un territorio più agevolato e ai quali è stato concesso di "rimediare" dando il potere alla Regione di mettere una toppa su quanto è risultato "bucato". Ma si sa, in tempi di tagli alla sanità, i piccoli centri faticano a far ascoltare la propria, e molte sono le strutture chiuse.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]