Che fine hanno fatto le ragazze di Non è la Rai?

07 gennaio 2016 ore 11:55, intelligo
di Anna Paratore

Sono trascorsi vent’anni dall’ultima puntata di questo show televisivo che fece epoca e anche molto discutere. Vi parliamo di Non è la Rai, la trasmissione ideata da Gianni Boncompagni che imperversò sulle reti Mediaset imprigionando i sogni di tutti gli adolescenti dell’epoca.

L’intuizione dell’autore fu quella di ingaggiare una folla di ragazzine, quasi tutte minorenni, capaci di cantare e stare sul palco, vestite con abitini moda sgargianti, a cui ha lasciato l’andamento della trasmissione, intercalato da cover spesso ragliate, e da improponibili balletti se giudicati da un professionista. Eppure, il successo fu travolgente. Al Centro Safa Palatino di Roma, dove il programma si produceva, c’era una folla di fan plaudenti che campeggiava lì h24. Le ragazzine italiane dai 14 ai 18 anni sognavano solo di entrare in quel cast. I ragazzini dai 14 ai 20 anni, invece, di conoscere una delle ragazzine cast. Tra loro, che erano veramente tante, parecchie divennero abbastanza famose da avere dei propri estimatori e qualcuna, una volta terminato il programma, riuscì anche ad andare avanti in questo mestiere. Una di esse è ancora oggi incredibilmente famosa – ci riferiamo ad Ambra Angiolini – che dopo un periodo di appannamento alla fine di Non è la Rai, è diventata una delle più richieste giovani attrici italiane, contesa dai registi emergenti per le loro commedie di successo. Indiscusso il suo talento.

Ma oltre a lei, che ne è stato delle altre? Per esempio, una delle reginette di allora, Mirian Trevisan, dopo Non è la Rai ha lavorato a lungo in TV come valletta di Mike Bongiorno, per c'è la sua partecipazione all’Isola dei Famosi e sporadiche apparizioni come opinionista od ospite. Sposata nel 2003 con il cantante Pago, si è separata nel 2013. Ha un figlio, Nicola, nato dal suo matrimonio nel 2009. Continua di tanto in tanto con le sue incursioni nel mondo delle televendite o in show serali sulla tv generalista, è anche attrice. 

Altra nota ragazza di Non è la Rai, è Antonella Elia, all’epoca una delle più “anziane”- aveva 26 anni - tra le ragazze della trasmissione che contava anche qualche maggiorenne, sebbene fosse poco più che ventenne. La Elia, oggi 52enne, fu forse l’unica delle ragazze che arrivò alla trasmissione avendo già una certa esperienza televisiva. In seguito, ha continuato in TV anche lei come valletta di Bongiorno, e presentatrice in trasmissioni sportive. Come la Trevisan ha partecipato a una stagione dell’Isola dei famosi, show che è sembrato essere una tappa fissa per queste reduci di Non è la Rai, dove si è messa in evidenza per una vera e propria rissa con Aida Yespica, raggiungendo uno degli apici della TV spazzatura pur tanto frequente sui nostri schermi. Negli ultimi anni la carriera artistica dell’Elia, però, sembra aver preso una strada precisa e decisamente più qualitativa. Antonella lavora quasi esclusivamente in teatro, dove riscuote notevole successo. Nel 2014 e nel 2015 ha interpretato il ruolo di una prostituta nello spettacolo Dignità Autonome di Prostituzione per la regia di Luciano Melchionna, nello stesso anno recita invece in La mia futura ex, con Franco Oppini e Simona D'Angelo per la regia di Luca Pizzurro, e Benvenuti a..., per la regia di Giacomo Rizzo.

Yvonne Sciò, un tipo davvero molto chic, arrivò a Non è la Rai direttamente da una pubblicità per l’allora Sip, dove aveva lanciato il tormento “Mi ami? Ma quanto mi ami?”. Dopo la trasmissione di Boncompagni è approdata al cinema dove non ha lasciato un segno indimenticabile, divenendo in seguito più famosa per la sua vita mondana e per le sue liti con Naomi Campbell. Attualmente si occupa di moda e quest’anno si è vista all'Hotel Baglioni di Milano dove ha presentato la sua Petit Collection – si chiama così - in collaborazione con Christophe Sauvat.

Alessia Merz è stata sicuramente una delle ragazze più belle di Non è la Rai, ma dopo parecchi anni nell’ambiente dello spettacolo, sia come showgirl che come modella senza mai sfondare veramente, ha intrapreso con gioia la carriera di mamma, sposando il calciatore Fabio Bazzani, e dandogli due figli in pochi anni. Anche Maria Teresa Mattei ha sposato un calciatore della Juve, Dino Baggio e anche lei è oggi una felice mamma.

Due parole vanno spese anche per Sabrina Impacciatore e Laura Freddi. La prima è diventata una richiesta caratterista del nostro cinema, e anche l’interprete principale di uno sceneggiato televisivo che ha avuto un discreto successo di pubblico. La seconda dopo aver avuto parecchia notorietà come showgirl negli anni subito dopo la fine del programma, è poi un po’ sparita e oggi, dopo un matrimonio finito male, si dedica soprattutto al beach volley. Altre due che ce l’hanno fatta, sono state Nicole Grimaudo, miss Non è la Rai, e Romina Mondello, pepata moretta. La prima è oggi impegnata nel cinema d’autore, attualmente con Silvio Muccino, la seconda oltre ad aver avuto una lunga storia d’amore con Raoul Bova, ha recitato in Palermo-Milano sempre con Bova, prima di essere inserita nei R.I.S. di Canale 5.

Va comunque detto che all’interno di questo affollato cast, ci sono state anche ragazze che hanno scelto, o sono state costrette dai pochi riscontri ottenuti, a lasciare il mondo dello spettacolo finendo per fare una vita “normale”. Prendiamo ad esempio Valentina Abitini e Shaila Risolo, che in trasmissione si muovevano sempre in coppia, una alterego dell’altra, all’epoca giovanissime – la Risolo aveva solo 12 anni - . Oggi la prima lavora in una fabbrica di camicie, è sposata e mamma, mentre l’altra è diventata un’abile documentarista. E come loro due, decine e decine di altre si occupano della casa, della famiglia, di un lavoro lontano dai riflettori. 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]