Parigi, torna il terrore: ucciso assalitore davanti a Commissariato. Maroni attacca

07 gennaio 2016 ore 15:38, Marta Moriconi
Avrebbe attaccato gli agenti di guardia gridando "Allah Akbar" l'uomo ucciso davanti al commissariato di polizia Goutte-d'Or nel 18mo arrondissement a Parigi. Sembra di tornare ai tempi degli attacchi e alla fine la notizia di Luc Poignant (del sindacato di polizia) non attenua quella sensazione. 

I FATTI: Si tratta di un uomo che era armato di pugnale e indossava una finta cintura esplosiva quando ha colpito i poliziotti, ferendo uno di loro. E c'è anche la coincidenza della data simblica: oggi è l'anniversario dell'attentato del 7 gennaio scorso a Parigi contro la sede del settimanale satirico, Charlie Hebdo. Il quartiere di Barbès è chiuso ora e due scuole della zona sono state messe sotto protezione. Il tentativo del presunto terrorista era quello di fare irruzione in un commissariato di polizia a Parigi con un marsupio attaccato al corpo con il nastro adesivo e la sua cinta falsamente imbottita di esplosivo. Dal marsupio infatti usciva un filo ma "il dispositivo non conteneva
Parigi, torna il terrore: ucciso assalitore davanti a Commissariato. Maroni attacca
esplosivo" stando a quanto riportato da 'Le Figaro'  che cita fonti giudiziarie. Non ci sono elementi che lasciano supporre la presenza di complici. 

DALL'ITALIA: Ma la paura è tornata. E a gettare benzina sul fuoco e a chiedere interventi specifici dall'Italia e dal suo profilo di facebook è stato Roberto Maroni, presidente di Regione Lombardia, che riferendosi all'attentato ha tuonato: "Dobbiamo combattere questi criminali con grande fermezza e determinazione. Nessuna pietà. Tre cose da fare subito: ristabilire i controlli alle frontiere, rimpatriare immediatamente tutti i clandestini e applicare in tutte le regioni il divieto (che io ho introdotto in Lombardia dal primo gennaio) di entrare col volto coperto in ospedali e uffici pubblici". Per Maroni "Renzi pensa a salvare i suoi amici banchieri, noi lottiamo con le unghie e coi denti per garantire la sicurezza ai nostri cittadini. Svegliamo Renzi e l'Europa dal loro torpore mortale". 
A parte i commenti, restano i fatti: inquietanti. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]