Torino, Fassino ora insegue Appendino: "Dica come vuole cambiare"

07 giugno 2016 ore 9:39, Americo Mascarucci
C'è chi sussurra che Piero Fassino fosse convinto di passare il primo turno delle elezioni amministrative ed essere riconfermato sindaco di Torino senza bisogno del ballottaggio.
Per questo motivo pare aver completamente ignorato per l'intera campagna elettorale la sua principale sfidante, Chiara Appendino, la candidata del Movimento 5Stelle, quasi fingendo che non fosse nemmeno in competizione.
Poi domenica notte è arrivata la doccia fredda. A Torino ci sarà ballottaggio, Fassino non ha vinto al primo turno e la candidata grillina è sotto di 11 punti. 
Tutto quindi potrebbe ancora accadere. 
Anzi, Fassino teme l'effetto sorpasso agevolato in questo dal successo dei 5Stelle a Roma. Il ballottaggio è sempre una partita incerta, nulla può essere dato per scontato e il vantaggio del primo turno, rilevante o meno, non mette affatto al sicuro Fassino da una tenutissima sconfitta.
E' per questo che il sindaco uscente pare deciso a modificare radicalmente la sua campagna elettorale.
In queste due settimane che separano dalla sfida finale, Fassino si accorgerà e come della sua avversaria. 
Anzi, se fino ad una settimana fa evitava pure di incontrarla per impedirle una minima visibilità mediatica, adesso sarà lui a cercarla e ad attaccarla giorno e notte.
Obiettivo: dimostrare che dietro la propaganda dei 5Stelle non c'è nulla, se non il il vuoto amministrativo. 

Torino, Fassino ora insegue Appendino: 'Dica come vuole cambiare'
E difatti Fassino da ieri sta chiedendo all'Appendino di spiegare in dettaglio in cosa consiste il tanto sbandierato cambiamento per Torino. "Vuole bloccare l’urbanistica che ha cambiato Torino? Lo dica. Propone la Linea 3 della metro: ma cosa pensa della 2 ancora da costruire? Ecco, risponda a domande come queste" attacca il sindaco uscente.
L'ex segretario Ds è convinto così di stanare quelli del M5S e di dimostrare agli elettori torinesi che affidare loro il governo della città potrebbe significare condurre Torino in un vicolo cieco. Della serie: chi lascia la strada vecchia per la nuova......
Riuscirà la strategia fassiniana? E soprattutto, l'Apperndino accetterà la sfida del sindaco confrontandosi a viso aperto con lui? Staremo a vedere.
Di certo i 5Stelle una vittoria l'hanno già ottenuta. Fassino è costretto ad inseguire l'Appendino, a sfidarla pubblicamente per non perdere il vantaggio che ha su di lei al secondo turno e ritrovarsi sconfitto.
In qualche modo, la sua lotta per la sopravvivenza, potrebbe pure rischiare di concretizzarsi in un effetto boomerang rafforzando l'avversaria ed evidenziando invece la sua paura di perdere. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]