L'Italia piange Franco Scaglia, una vita per cultura e informazione

07 luglio 2015, intelligo
L'Italia lo devo ringraziare perché ha saputo donarle conoscenza e sapere, un tesoro inestimabile in ogni epoca. Anche la nostra. 

L'Italia piange Franco Scaglia, una vita per cultura e informazione
Ieri mattina a Roma è morto lo scrittore Franco Scaglia, 70 anni. Giornalista, autore di teatro, premio Campiello, Scaglia è stato per quarant'anni dirigente Rai, a lungo presidente di Rai Cinema e del Teatro di Roma.

Ad annunciare la triste notizia è stata la moglie, l'attrice Mascia Musy. I funerali di Scaglia, nato a Camogli il 27 marzo 1944, si terranno questa mattina a Roma.

Scaglia aveva iniziato la sua carriera come giornalista firmando per testate come Il Piccolo, Avanti!, Il Tempo, Il Messaggero, L'Unità, Sipario e dirigendo poi periodici come Il Nuovo Osservatore, Achab  e Il viaggio in treno. Per più di 40 anni al servizio della Rai, ha concluso la sua brillante carriera alla presidenza di Rai Cinema, dal 2004 al 2013.

L'amore per il teatro lo ha portato nel 2010 anche alla Presidenza del Teatro di Roma. Vincitore nel 2012 del Premio Flaiano per la TV, parallelamente Scaglia ha sempre continuato a scrivere, spesso ritirandosi nella sua casa in cima all'isola di Filicudi, dagli ultimi titoli di ispirazione cattolica come Il viaggio di Gesù, Il giardino di Dio, In cerca dell'anima e Cercando Gesù, questi ultimi due con Monsignor Vincenzo Paglia, al racconto della sua famiglia in Luce dei miei occhi, fino alle spy stories "Il custode dell'acqua", con cui ha vinto il Campiello nel 2002,.

Negli anni alla presidenza di Rai Cinema, Scaglia si era poi particolarmente concentrato sui documentari, promuovendo e a volte firmando egli stesso anche molti racconti di viaggio, da "Il tesoro di Edimburgo" all'ultimo "Lisbona, la lucente", ancora inedito, o "Gerusalemme La Santa". 
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]