Pokémon Go è realtà sovrapposta, come diventare allenatore

07 luglio 2016 ore 13:25, intelligo
di Luciana Palmacci  

Pokémon ovunque! E' Pokémon Go! Per chi non lo sapesse si tratta di un'app in realtà aumentata, o meglio sovrapposta: sfornato da Nintendo e dagli sviluppatori Niantic Labs, è arrivato finalmente sugli smartphone. Il videogame sfrutta infatti la fotocamera del cellulare e i sensori dello stesso (tra cui algoritmi basati sulla localizzazione) per portare l’utente alla scoperta dei Pokémon nascosti nel mondo reale. “Venusaur, Charizard, Blastoise, Pikachu e molti altri Pokémon sono stati scoperti sul pianeta Terra!”: questa l'introduzione al gioco.

Pokémon Go è realtà sovrapposta, come diventare allenatore
 
La vita di tutti i giorni non sarà più la stessa con le creature animate che si aggireranno nei luoghi più comuni. I Pokémon saranno lì davanti ai nostri occhi in attesa di essere catturati, allenati e utilizzati nei combattimenti. Pokémon Go è disponibile per le piattaforme Android e iOS, ma per ora gli utenti italiani hanno potuto saggiare il nuovo gioco di Nintendo e Niantic sfruttando solo l’APK su Android mentre su iPhone bisognerà aspettare l’arrivo ufficiale in Italia, datato 15 luglio
Sono però già molti gli utenti Android che stanno provando con mano questa nuova esperienza di gioco, all’apparenza molto semplice: il funzionamento prevede di camminare tra le strade e i luoghi del mondo reale finché non comprare un Pokémon. Non è presente un tutorial vero e proprio e determinati meccanismi vanno scoperti da sé. 
Si inizia creando un account e scegliendo un nickname, per accedere va bene anche quello Google (al momento, come detto, il gioco non è disponibile per iOS in Italia). Dopo di che si potrà scegliere il sesso e l’aspetto del nostro alter ego. La personalizzazione è base: colore di occhi e capelli, berretto, zaino, scarpe, felpa e pantaloni. Una volta completata questa prima configurazione, si sceglierà il nickname. Quest’ultimo sarà il nome pubblico che vedranno anche gli altri giocatori, a quel punto il prof. Willow verrà in aiuto nella ricerca di tutti i Pokémon del mondo per ampliare il suo archivio, il Pokédex (esattamente come nel videogioco su GameBoy che molti ricorderanno). La scelta sarà così tra uno dei tre pokémon principali (o storici): Bulbasaur (erba), Charmander (fuoco) o Squirtle (acqua). Il cartone animato è diventato realtà, una realtà fantastica sovrapposta a quella quotidiana in cui diventare allenatore di Pokémon non è più fantasia. Che l’avventura abbia inizio allora, l’augurio è uno solo Gotta catch ‘em all!’.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]